mercoledì 17 marzo 2010

Emma Bonino ospite dei Verdi

E’ una serata diversa quella che attende Emma Bonino all’Auditorium del Massimo all’Eur a Roma, la sera di lunedì 15 Marzo. I Verdi scelgono una serata con Giobbe Covatta, che si spende nello spettacolo “Trenta”, per i candidati della lista del Sole che ride.
A presentare la serata il Direttore di Terra, Luca Bonaccorsi. La parola subito va a Angelo Bonelli, Presidente dei Verdi, il quale tocca temi da sempre cari al movimento che presiede quali quelli della difesa dell'ambiente e del clima, passando per argomenti più spinosi come quello di un sistema di mobilità tutt’altro che sostenibile e gli investimenti destinati al ponte sullo Stretto di Messina che potrebbero finanziare kilometri di metropolitana e linee tramviarie, necessarie al paese.



Successivamente tocca alla Bonino, ospite d'onore della serata:"La difesa dell’ambiente è una risorsa per la Regione Lazio, soprattutto nel campo del turismo di qualità. E’ vero che c’è un problema legato all’emergenza abitativa, ma è un problema che si può risolvere evitando lo scempio del territorio, procedendo ad esempio alla rottamazione del patrimonio edilizio esistente, sostituendo quartieri energeticamente poco efficienti, con quartieri ecosostenibili. Con la difesa dell’ambiente si fanno buoni affari!”
A pochi giorni dalla fine di una campagna elettorale che la candidata alla Presidenza della Regione Lazio definisce “speciale, particolare”, Emma invita tutti, oggi come ieri, alla militanza, per qualche ora al giorno, oggi con le mailing list così come ieri c’erano i volantini: “sfruttiamo i mezzi che abbiamo, facciamo rete, anche se non abbiamo contatti con Minzolini, dobbiamo farcela”.
E un pensiero va alla piazza di sabato, una piazza di speranza e di fiducia nel futuro, completamente in antitesi rispetto a quella che Berlusconi promette per il 20 marzo. Emma si chiede: “Contro chi protesta? Contro Milioni che ha fatto tardi alla consegna delle liste?”
Emma sa di cosa c’è bisogno: “Ritorniamo al decoro istituzionale, alla politica alta: la politica è fatta di onori e oneri nei confronti dei cittadini”. Conclude poi con un invito ai Verdi, che sente particolarmente vicini allo spirito radicale, per la trasversalità dei temi trattati:" Voi potete intercettare anche il voto di chi ha sostenuto il centrodestra e che oggi è deluso e spiazzato davanti alle manifestazioni di arroganza di questo Governo. Le istanze che voi rappresentate le condivido completamente perché sono necessarie per uno sviluppo equilibrato e sostenibile del territorio regionale”.

Nessun commento:

Posta un commento

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione