martedì 2 marzo 2010

Più partecipazione grazie a noi



Approvate tutte le modifiche allo Statuto comunale proposte dal gruppo di minoranza "Rinnovamento Democratico" tese a migliorare la trasparenza e la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica. E' terminato positivamente il confronto tra minoranza e maggioranza in commissione statuto. Dopo poco più di un mese di lavoro l'organo ha partorito un'articolata proposta di modifica che è stata approvata all'unanimità dal Consiglio comunale.

Inizialmente la maggioranza ci aveva proposto di cambiare solo un articolo dello statuto che "impediva" la nomina di un assessore esterno. Grazie alla nostra azione costruttiva è stato avviato un lavoro di confronto in commissione che in tempi brevi e grazie alla collaborazione reciproca oggi garantisce a tutti i maglianesi regole nuove e al passo con i tempi. La minoranza è stata rappresentata nella commissione dal capogruppo di Rinnovamento Democratico Francesco Urbanetti (nella foto) che ha lavorato insieme al vicesindaco Fabio Di Giamberardino e all'assessore ai Servizi Sociali Eleonora Berni. Inanzitutto ringraziamo gli altri membri della commissione per lo spirito con cui si è lavorato. Come gruppo abbiamo fatto delle proposte che, per larghissima parte hanno trovato il consenso della maggioranza. Segno che nel nostro gruppo non c'è alcun spirito distruttivo e che quando veniamo coinvolti in maniera seria, come hanno fatto gli assessori Di Giamberardino e Berni, il nostro appoggio alla risoluzione delle problematiche non manca e non mancherà.

Senza questo lavoro di confronto si sarebbe cambiata solo la norma che, pur essendo una garanzia, oggettivamente rendeva macchinoso il processo di nomina della giunta e avremo avuto solo un assessore in più. Ora forse ci sarà un nuovo membro in giunta ma, grazie alla nostra opera, abbiamo anche cambiato diverse regole che facilitano la partecipazione. Sono state accolte le nostre proposte per la pubblicazione dell'albo pretorio e del bilancio sul sito internet del Comune, per l'introduzione del Presidente del Consiglio (di concerto con la maggioranza), per la creazione di spazi per l'attività di tutti gruppi consiliari, l'apertura al pubblico delle sedute della giunta per argomenti di ampia rilevanza pubblica e l'abbassamento delle soglie per chiedere un referendum consultivo (da un terzo ad un quinto della popolazione) o per le proposte popolari (dal 20 per cento a 10 della popolazione). Inoltre ci siamo impegnati insieme agli altri membri per lavorare ai regolamementi sulla parecipazione, per la creazione di un ufficio relazioni con il pubblico e per l'introduzione della figura difensore civico, oltre all'avvio di un confronto per innovare il regolamento consiliare.

Il giudizio "politico" del Pd è ottimo. E' stato lavoro di sintesi e confronto. Siamo passati dalle parole ai fatti proponendo una serie di modifiche, tutte accolte, tese ad incrementare le possibilità di conoscenza e partecipazione dei cittadini alla vita politico-amministrativa del nostro paese. Questo risultato smentisce, con i fatti, tutte le illazioni che esponenti di primo piano dell'amministrazione comunale hanno fatto nei giorni scorsi strumentalizzando il "caso Orsini". Invitiamo i cittadini, in particolare gli osservatori che pontificano, a giudicarci sui questi fatti. Chi dice che non vogliamo collaborare, mente sapendo di mentire oppure non conosce la realtà. Certo, noi abbiamo le nostre idee e i nostri programmi e dai banchi dell'opposizione lavoriamo per realizzarli. Quando, come in questo caso, le proposte convergono non esitiamo a votare insieme alla maggioranza per dare più diritti ai cittadini. Invitiamo perciò gli osservatori di cui sopra a una facile riflessione: il confronto quando è serio, e non ha secondi fini, avviene alla luce del sole. Allo stesso modo chiediamo il rispetto delle nostre decisioni politiche anche quando saremo in disaccordo, perché è leggittimo che un'opposizione seria lavori ad una possibile alternativa senza essere accusata di lavorare contro Magliano.

2 commenti:

  1. leggete quello che hanno scritto su fascistamente e vi renderete conto di come la stessa notizia sia stata completamente smorzata senza riportare minimamente i dettagli, che seppur sottili sono di grande rilevanza nell'evoluzione politica recente di questo paese.
    ma non diteglielo, loro sono super partes

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione