martedì 4 gennaio 2011

Ospedale: Iniziamo il 2011 come peggio non potevamo


E' notizia di oggi la pubblicazione della bozza dell'Atto Aziendale della Asl di Rieti che va ad applicare in maniera fredda il Decreto 80 del Commissario ad acta Renata Polverini, e che dunque, decreta la soppressione completa dell' Ospedale Marzio Marini.

Nessun cambiamento a quanto deciso dunque con il decreto del 3o settembre scorso.
Una "legnata" che augura a tutti i maglianesi e a tutti gli abitanti della bassa sabina, usufruitori del servizio erogato dal Marini, un buon anno.

Ci si aspettava purtoppo tale provvedimento ed un epilogo di questo tipo, che non è tardato ad arrivare, viste le inziative prive di ogni spessore politico, messe in campo da chi ha preferito fidarsi in tutti questi mesi dei referenti del centrodestra laziale, i degni eredi della giunta Storace che hanno letteralmente massacrato la sanità della nostra regione, e di cui lo affermiamo con orgoglio, fin dall'inizio noi del Partito Democratico abbiamo preferito non fidarci.

Ora i risultati di quella strategia sono sotto gli occhi di tutti, e proprio questi scarsi risultati dimostrano tristemente come, pur venendo vessati in ogni modo, noi avevamo ragione.
Ora piuttosto che assumersi le proprie responsabilità per un fallimento politico e amministrativo senza precedenti per la nostra comunità, chi siede tra i banchi di maggioranza ci verrà a dire di passare in Umbria, come se questa fosse la panacea di tutti i mali.

Continueremo così a "guardare il dito e non la luna"; per noi il vero obiettivo è stato e rimane tutt'ora la salvezza del Marzio Marini, il resto, e le chiacchiere, le lasciamo volentieri agli altri.
E' proprio ora, nel momento più disperato, che non bisogna cedere e continuare a lottare per qualcosa che spettata ai cittadini come diritto fondamentale, il servizio sanitario nazionale. Il Partito Democratico locale continuerà con ogni mezzo a disposizione la battaglia in contrapposizione alle politiche dei tagli ingiustificati del centrodestra, così come fatto in questi mesi, mobilitando i propri rappresentanti ed individuando i documenti utili ai fini del ricorso al Tar.

Ci affidiamo ancora una volta alla figura del Presidente Fabio Melilli, e lo facciamo a differenza di altri non attaccandolo per cercare un pò di visibilità su qualche giornale, ma perchè crediamo e lo abbiamo sempre sostenuto, come egli rappresenti l'unica figura istituzionale in grado, ora come ora, di aprire un serio e costruttivo tavolo di trattativa con la Presidente della Regione Lazio.

16 commenti:

  1. Adesso invece occorre andare sotto le finestre del comune, tanto lui se non è di fronte, è a destra o sinistra... e gridargli vattene! hai ingannato 1600 maglianesi, continui ad ingannarli ma ora non sono più quel numero.
    Se non te ne vai continuerai a fare del male a questo paese ficcatelo bene in testa.
    Non è come giocare a fare il contestatore quando eri in minoranza o quando guidavi la protesta contro la discarica.
    Non sei credibile perché ti hanno conosciuto che politicamente non vali una cica di sigaretta, sai fare solo stupide commedie e con queste hai ubriacato quei quattro ingenui che ti seguono.
    Adesso dimettiti perché hai fallito trascinando in fondo al baratro tutti i cittadini.
    Se non lo farai allora si, un referendum cercheremo di organizzarlo, ma per sbatterti fuori da quelle mura.

    RispondiElimina
  2. strafiguraccia4 gennaio 2011 13:59

    Come non era un sindaco da sette?
    E non finisce qui.
    Sembrerebbe che la Polverini abbia sistemato gli LSU di tanti comuni da Frosinone a quelli piu' piccoli e indovinate quale paese e' rimasto fuori da tutto cio'?
    Continuamoci a fidare.

    RispondiElimina
  3. A questo punto diventa difficile dire quello che sarebbe stato meglio...Anche secondo me la strada del referendum nn sarebbe stata gran che azzeccata, xò ormai è inutile piangere sul latte versato..

    RispondiElimina
  4. Da oggi in poi possiamo puntare il dito sull'amministrazione anche per ogni singola persona che morirà a Magliano Sabina, dato che è questo quello che fanno da sempre questi fittizi sinistroidi falliti, attaccarsi ad ogni cosa per aggredire coloro che invece qualcosa stanno facendo, mentre il ridicolo PD se ne sta con le braccia conserte ad aspettare le mosse false dell'amministrazione per poi scrivere articoli dove è evidente che l’invidia, l’incompetenza e l’inadeguatezza giocano sempre brutti scherzi.

    Bravi!

    Sarebbe stato davvero divertente vedere voi burattini al posto loro!
    Infatti, questa decadenza è cominciata più di venti anni fa, con teste vuote come le vostre che amministravano.

    Adesso è colpa dell'amministrazione? Siete voi a non convincere nessuno, neanche i bambini.

    RispondiElimina
  5. Peccato questa persona dimentica che un accordo con la precedente giunta regionale questo PD l’aveva trovato, dimentica pure il disastro da lui stessa causato, quello di avere dato un voto a questa nuova governatrice del Lazio, degna continuatrice del disastro sanitario che causò il suo camerata Storace, lasciando in eredità ben 10 miliardi di euro.
    Allora quello che dici ironicamente si trasformerà in verità; da ora in avanti, qualunque decesso causato per un mancato intervento urgente sarà responsabilità indiretta di questa amministrazione.
    In quanto poi ai burattini, ti lascio, ma sei già in buona compagnia, a quello che oggi ha iniziato uno sciopero della fame, quello delle commedie per intenderci che di teatrini se ne intende.
    La decadenza è iniziata da quanto questo saltimbanco ha iniziato a rompere i co.…ni con la sua pseudo politica, quella del populismo di bassa lega, quella dell’improvvisazione, quella della denigrazione degli avversari (vedi Lini).
    Adesso dammi retta, non te “persona” ma l’altro, quello che difendi, tornatene a casa tra la tua famiglia, pensaci su un poco e dimettiti; questo si sarebbe ancora un gesto nobile; tutto il resto è un’altra commedia.

    RispondiElimina
  6. Complimenti al commento di una "persona". Ora sarebbe opportuno che questi fautori caritatevoli del PD tacessero perchè sono gli antagonisti del popolo.

    RispondiElimina
  7. Questa persona ha ragione, questo pd è inaffidabile in tutti i sensi e bene fa il sindaco a sfidarli sul piano della fattibilità e non sulle chiacchiere.

    RispondiElimina
  8. Peccato questa persona dimentica che un accordo con la precedente giunta regionale questo PD l’aveva trovato, dimentica pure il disastro da lui stessa causato, quello di avere dato un voto a questa nuova governatrice del Lazio, degna continuatrice del disastro sanitario che causò il suo camerata Storace, lasciando in eredità ben 10 miliardi di euro.
    Allora quello che dici ironicamente si trasformerà in verità; da ora in avanti, qualunque decesso causato per un mancato intervento urgente sarà responsabilità indiretta di questa amministrazione.
    In quanto poi ai burattini, ti lascio, ma sei già in buona compagnia, a quello che oggi ha iniziato uno sciopero della fame, quello delle commedie per intenderci che di teatrini se ne intende.
    La decadenza è iniziata da quanto questo saltimbanco ha iniziato a rompere le scatole… con la sua pseudo politica, quella del populismo di bassa lega, quella dell’improvvisazione, quella della denigrazione degli avversari (vedi Lini).
    Adesso dammi retta, non te “persona” ma l’altro, quello che difendi, tornatene a casa tra la tua famiglia, pensaci su un poco e dimettiti; questo si sarebbe ancora un gesto nobile; tutto il resto è un’altra commedia.

    RispondiElimina
  9. Ci scusiamo con un nostro commentatore ma i suoi ripetuti e identici commenti sono finiti, colpa della piattaforma blogger, all'interno della casella commenti spam.
    Abbiamo provveduto e ripristinato il commento "scomparso".

    RispondiElimina
  10. Si! Io vedo proprio Lini, vedo i mostruosi debiti lasciati dalla sua amministrazione, per non parlare delle sanzioni; vedo i soldi sprecati per il parcheggio sotterraneo e per la ristrutturazione di quello che oggi sarebbe dovuto essere l’ostello della gioventù ma che invece è rimasta soltanto una struttura inutilizzata per tutti questi anni (ti ricordo inoltre il motivo per cui furono spesi quei soldi, cioè per sponsorizzare quei porci del Vaticano); vedo l’ingiustificata protezione di quegli individui che hanno permesso il degrado dell’ospedale, medici affiancati dall’ex sindaco ai quali è stato dato un potere che non potevano permettersi di avere. Ma vado oltre. Vedo anche l’amministrazione Fratoni, dove l’avvenente ed originale sindaco riuscì a propinare alla cittadinanza, me compreso/a, il suo obiettivo di pseudo rinnovamento, per poi assaporare la gloria e fare le valige non appena trovato un incarico migliore per lei e non solo… abbandonando la gente di Magliano e rinnegando gli ideali che aveva osannato fino a due giorni prima (questa è vera sinistra secondo te?). Voglio tornare indietro perfino ai tempi in cui anche tu contavi qualcosa, quando era tutta una Festa de l’Unita (alla quale partecipavo anche io) e nient’altro, il periodo in cui la gente imparò a riempirsi le pance e ad accaparrarsi quello che poteva per scopi puramente personali. Perciò amico mio, non vantarti delle tue iniziative, dato che neanche tu sei mai riuscito a fare qualcosa di grande per questo paese di merda. Mettiti l’anima in pace: io non sono un elettore della Polverini, io sono soltanto una persona che ha visto crollare il suo ideale a causa di tutti quegli approfittatori che utilizzano una bandiera per pura ignoranza o per non sentirsi soli o per ottenere importanza. Rifletti bene C.G., puoi fare di meglio, ma prima ci vuole consapevolezza.

    RispondiElimina
  11. osservatore attento7 gennaio 2011 08:40

    dopo quello che hai detto mi domando: ma alla festa dell'unità cosa ci andavi a fare? la figurina o la presenza per ingraziarti qualche amicizia?

    RispondiElimina
  12. Questo osservatore attento in verità è duro di comprendonio:

    CI ANDAVO PERCHE' CI CREDEVO!!!

    RispondiElimina
  13. osservatore attento7 gennaio 2011 14:53

    e allora mai sputare sul piatto dove hai mangiato

    RispondiElimina
  14. Si se poi, con il tempo, scopro che mi è stato servito da un traditore.

    RispondiElimina
  15. forse non era quello che ti aspettavi perche sei stato/a scoperto/a dal partito e quindi non hai potuto mangiarci sopra!Tutte queste accuse,che un tempo andavano bene, sei qui a rivendicare che cosa? Tu amico/a sei come la volpe che non arrivava a l'uva ,disse che era acerba. Se sei una persona informata così tanto dovresti sapere che il PD ha avuto la forza di allontanare le persone che tu citi. Con questo non vado oltre perchè ho capito con chi mi sto confrontando e sinceramente non ho tempo da perdere.

    RispondiElimina
  16. "Si, si! Hai capito tutto! Come no! Bravo!"

    Ah, Ah, Ah...!

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione