mercoledì 5 gennaio 2011

Perilli:"Solidarietà al sindaco e ai cittadini di Magliano"


«Alla luce di quanto sta accadendo nel Comune di Magliano, esprimo la piena solidarietà al sindaco, alla giunta e a tutte le forze politiche che stanno portando avanti la battaglia in difesa della sanità. Non avendo ancora ufficialmente ricevuto la bozza dell’atto aziendale, che ha contribuito nel montare la protesta in corso, e facendo riferimento alla pubblicazione degli articoli della stampa locale, esprimo viva preoccupazione per la situazione maglianese». Lo dichiara in una nota il consigliere regionale del Lazio, Mario Perilli (Pd), vicepresidente della Commissione Agricoltura alla Pisana.


«Come fatto dall’inizio della discussione del Piano regionale, ribadisco quindi il mio appoggio e quello del gruppo del partito a chi si è trovato in questa spiacevole condizione. In questo momento – prosegue Perilli – è fondamentale che tutti aprano gli occhi e che i rappresentanti istituzionali del territorio, a differenza magari di chi è venuto in ‘pellegrinaggio’ per poi darsela a gambe levate, si uniscano nel sostenere questa battaglia ideale, culturale e sociale in difesa del Marini. L’esclusione del nosocomio dall’Unità operativa complessa del sistema provinciale ospedaliero è un duro colpo per la comunità sabina e per quella dell’intera provincia e, alla luce dei fatti, testimonia concretamente come i tagli della giunta regionale abbiano di fatto colpito in maniera esclusiva la provincia di Rieti».


«Le promesse elettorali del centrodestra - conclude l'esponente reatino del Pd - si sono confermate tali e i fatti sbugiardano chi aveva eretto la sanità reatina a baluardo di questa maggioranza. Nei prossimi giorni parteciperò alle varie iniziative che saranno messe in campo e rinnovo quindi l’invito a colleghi, cittadini, coordinamenti e associazioni di non disperdere le forze e unirsi in quella che deve essere una battaglia di tutti e per tutti».

21 commenti:

  1. il tg3 regionale semplicemente vergognoso. dopo l'assenza delle telecamere alla manifestazione che ha bloccato la flaminia per 4 ore con più di 1000 persone adesso un sindaco davanti all'ospedale che sta facendo lo sciopero della fame non viene mandato in onda.
    non so se essere preoccupato o avvilito.

    RispondiElimina
  2. Forse non si è capita una cosa in questo Paese, chi dirige i media si sa, sono quella casta di politici, di giornalisti, di avvocati di questo o quell'industriale, di questo governo ruffiani del padrone assoluto dell'informazione in Italia.
    E allora? di cosa ci si meraviglia? che la TV di stato non viene a riprendere le inconsulte gesta di un sindaco di un comune di 3800 abitanti in provincia di Rieti?
    Infilate la testa sotto un getto d'acqua gelata prima, tutti, sindaco che digiuna, contorno di consiglieri che solidarizzano però standosene prima a casa, cittadini ancora una volta gabbati.
    La realtà è quella che si vede e non quella che si immagina.

    ps-
    Mi giunge voce che adesso i consiglieri di maggioranza si alterneranno nel dare il cambio al sindaco nel digiunare?
    Fosse vero sarebbe altro che una comica.
    Ma perché non evitare di simili figure peregrine.

    RispondiElimina
  3. Ma santa madonna, se da 40 anni il PD si contorna di personaggi schifosi,come pretendete ora rispetto..... meno male che ora a Magliano siete rimasti due o tre sciagurati del PD.

    RispondiElimina
  4. guardati intorno caro amico e ti accorgerai della gente di cui invece sei contornato tu

    RispondiElimina
  5. o chissà com'è che la colpa è sempre del pd. ma ve volete da una calmata così ve scoppia no il fegato pure lo stomaco

    RispondiElimina
  6. Vedi anonimo,nel PD ci saranno pure rimaste 3o 4 persone ,ma il numero non ha importanza ,tanto le peggio figure e le peggio persone ve le siete accaparrate voi e ora criticate chi lavora onestamente e in maniera trasparente,cosa che voi non avete mai fatto e continuate a non fare. Così rosicate (e de brutto).

    RispondiElimina
  7. Il PD e quello che è stato prima, ha costruito un nuovo ospedale, quello dove ora è accampato il sindaco cui spetta l'onore... di averlo fatto chiudere con le sue buffonate.
    Ha costruito gli edifici scolastici dove attualmente risiedono tutte le scuole di ogni ordine e grado.
    Ha costruito l'attuale edificio della scuola materna.
    Ha acquistato e ristrutturato tutto l'ex convento delle Grazie.
    Ha dato vita nei locali presso l'ex ospedale al centro anziani, agli ambulatori del consultorio, alla RSA.
    Tutto questo, ma tanto altro, con la voglia ed il sacrificio di consigleri ed amministratori prima social comunisti, poi di centro sinistra e sempre nei rispettivi ruoli, delle minoranze, escluse le ultime due, che sono attualmente ben rappresentate dalla attuale maggioranza e dal sindaco Graziani.
    Quella stessa attuale maggioranza che in pochi mesi ha cancellato le scuole presso lo storico edificio scolastico, ha cancellato l'opportunità di trasferire la RSA presso l'ex ostello, ha fatto chiudere un ospedale, ha fatto fallire una farmacia; ed ora, con la solita sfacciataggine di qualcuno che ha perso la memoria, di un solito saltinbanco che vistosi perso mette in atto un gesto che sicuramente lascerà il tempo che trova, proprio come tutti gli altri; quello della scampagnata a Berardelli, dello striscione sulla rupe di Foglia, della delibera sul referendum; cercano di addossare le responsabilità negative al PD e quello che era prima.
    Giù le mani dalla storia microbo! ti dovresti inchinare quando ricordi certi nomi.

    RispondiElimina
  8. osservatore romano5 gennaio 2011 20:31

    lascia perdere carlo. pensa che oggi pomeriggio persino il senatore cicolani ha detto che magliano non si può permettere il lusso di rimanere isolata politicamente e che questi gesti estemporanei non sono utili a nulla. pensa tu tutta questa fatica per passare sul tg3 della sera e senza far sentire nemmeno la sua intervista. tenerezza

    RispondiElimina
  9. Cari cittadini, Magliano purtroppo è stato governato da gente ignorante, dove l'interesse era puramente personale e non incentrato sulla collettività. Vediamo questi grandi dottorini fregarsi della salute del proprio compaesano, tanto tra un pò di mesi avranno la pensione ad attenderli! Sarebbe opportuno prelevargli gli attributi e sfamarci gli squali del sud Africa!
    E indovinate un pò di quale partito hanno dichiarato di far parte queste persone? Lo stesso di cui fanno parte i difensori di questo blog.

    RispondiElimina
  10. Ma il dott. Gatti, il consigliere di maggioranza voglio dire, che fine ha fatto?
    Non è colui che è pappa e ciccia con il nuovo DG? che ne condivide le linee?
    E i referenti di questi sbandati si sono visti almeno per esprimere solidarietà al vostro sindaco?
    Vero, il senatore Cicolani era presente oggi analogamente al compagno Perilli; ma avete ascoltato cos'ha detto il senatore in merito al "fenomeno"... Graziani? Come ha iniziato ad esporre il suo parere, guardate un pò sovrapponibile al mio, quello cioè dell'estemporaneità dell'azioni del sindaco, scollegate l'una dall'altra e senza un purché minimo di collegamento politico, immediatamente se lo son preso sottobraccio e se lo sono portato via.
    Non piangere megassessore, son lacrime di coccodrillo le tue, escono false come chi le emette; fai piuttosto un bell'esame di coscienza se ci riesci, altrimenti rivolgiti a qualche clinico professionista che ti metta per un po di tempo a tuo agio su di un lettino.

    RispondiElimina
  11. Davvero interessante il commento anonimo delle 1:52! Noto con piacere che qualcuno comincia ad avvicinarsi alla verità, altro che tutte le altre opinioni sentite e risentite, frullate e servite ancora fino alla nausea.
    E tu C.G. ancora insisti? L'ho spiegato qualche giorno fa come funziona la storia ma a quanto pare a te piace rileggere solamente i tuoi commenti. Ancora che incolpi il sindaco per la chiusura dell'ospedale, e addirittura, della farmacia? Ma lo conosci il motivo per cui la farmacia è fallita? Io ancora non ho capito se ci sei o ci fai... ti prego spiegamelo!

    RispondiElimina
  12. Per un errore tecnico firmo il commento precedente:

    una persona

    RispondiElimina
  13. Le chiacchiere sò tante e i fatti stanno a zero, ma voi tre naufragati sciagurati del PD, perchè non partecipate allo sciopero della fame,come il nostro carissimo sindaco?Vè calerebbe qualche kg de panza che avete messo su in questi anni di mala amministrazione. A me stà storia me puzza de bruciato....me sa tanto che sto sindaco dato i suoi problemi de salute non sapeva come buttare via qualche kg ,e se inventato lo sciopero della fame.Controllate se i vari amichetti de merende gli portano i viveri,attenzione.....

    RispondiElimina
  14. osservatore romano6 gennaio 2011 10:04

    ma quale sciopero della fame. o sarà staffetta o tra oggi e domani prende il camper di rorro e torna alla base come suggerito da cicolani.

    ps
    gatti era presente ma è come u gattu dentru a balla, li a comannà so altri.

    RispondiElimina
  15. Io non incolpo nessuno, io dico soltanto che in pochi mesi si è letteralmente disintegrato non solo il tessuto sociale di questo paese, ma si sono azzerate opere infrastrutturali e dei servizi quali Ospedale, scuole, non si sono realizzati progetti quali quello della RSA, una farmacia comunque è fallita, sono franate strade e da anni son ancore li chiuse al traffico.
    Ma cosa vuoi ancora che succeda il terremoto radendo al suolo ciò ch'è rimasto?
    Al sindaco ho già mandato a dire sul mio blog cosa penso di lui e nessuno mi farà cambiare idea, tantomeno queste manfrine di retorica strappalacrime; questo non è cinismo, questa io la definisco coerenza e pragmatismo.
    I sentimenti sono altra cosa e non centrano niente con la politica.

    RispondiElimina
  16. Pragmatismo?! Per parlare di pragmatismo bisogna essere in grado di mettere in pratica molte cose, a me invece sembra che tu parli e basta, cosa che fai da decenni senza mai esserti evoluto.
    Spero inoltre che nessun terremoto devasti Magliano perché voi sareste capaci di puntare il dito su Graziani e mandarlo in galera.

    RispondiElimina
  17. Continua fantasma, il giorno in cui avrai non il coraggio, ma la pudicizia e l'educazione di farti vedere chi sei avrò maggior rispetto per te ed anche verso altri.
    Troppo facile esprimere idee come fai te nascosto come un ladro, troppo facile rispondere ad una PERSONA quale io dimostro essere.

    Pragmatismo? tu conosci cosa vuole dire pragmatismo? cosa voglia dire evoluzione? si, quella democratica nelle elezioni di 10 anni fa forse, quella di Ruggeri.
    Pragmatismo te lo dico io cosa vuol dire; bando innanzi tutto ai sentimentalismi, questi per chi si accinge a fare politica non sono necessari; tenere conto delle realtà esistenti e con quelle fare i conti, se sono realtà drammatiche occorre affrontarle con determinazione e non con le lacrime, oppure con azioni estemporanee dirette a colpire la sensibilità di un politico quale la Polverini, Berlusconi, oppure tutti i nuovi pseudo politici rampanti.
    A questi non frega n'accidente se qualcuno sale sui tetti, fa lo sciopero della fame, si rifugia in un'isola in mezzo al mare; a questo caimani serve altro, serve la lotta politica, la solidarietà di altri, lotta politica svolta nelle sedi opportune e supportata nel caso, da mobilitazioni sempre più incisive.
    Quello che Graziani ha scelto, pur essendo atto di coraggio, esso appare puerile e capriccioso, perché specialmente con l'ecomia che predicano questi neo liberisti da arrembagio si rischia di apparire, come di fatto appare, dei sindaci pateteci, senza capacità politiche ed amministrative atte ad affrontare tali problematiche.
    Cosa pensi faccia la Polverini! si muova a compassione e restituisca l'ospedale ai maglianesi perché Alfredo fa lo sciopero della fame?
    La politica a tempi lunghi ma cara "persona", in primavera forse si ritorna a votare, fra 4 anni si rivoterà per le regionali; la gente di Magliano, quella della provincia, non deve dimenticare, avrà una opportunità per rispedire a quel paese... la Polverini e quelli che l'hanno condivisa.
    Soltanto con una nuova giunta, una nuova classe dirigente, si potrà far ritornare, forse con una ancora maggiore qualità, un ospedale a Magliano Sabina.

    RispondiElimina
  18. Qui non si tratta della Polverini o di Berlusconi! Quelli sono mentecatti che credono di aver ottenuto qualcosa ma che invece moriranno senza niente, perché non hanno né una sensibilità né un autentico ed immacolato sogno da realizzare: su questo non ci piove. Come loro tutti gli altri, nessuno escluso: individui perduti che non daranno mai una mano a nessuno, se non ai loro sporchi figli. Perciò è la battaglia che vuoi? Davvero? Sono 72 anni che parli ma non ti ho mai visto agire in questi termini. Datti da fare e crea un esercito di ribelli, può darsi che anche io sarò al tuo fianco per combattere, ma fino a quel giorno dovresti tacere, perché le tue sono soltanto chiacchiere come tutte le altre.
    Vatti leggere il commento che ho appena lasciato nel post: “Ospedale: iniziamo il 2011 come peggio non potevamo”, magari ti si schiariranno le idee.

    PS

    So perfettamente cosa sia il pragmatismo, e ancor meglio cosa sia l’evoluzione: non ti preoccupare!

    RispondiElimina
  19. Okkei persona, ho letto anche il commento sull'altro post; ora è tardi, ma ti prometto domani risponderò punto per punto su questi interessanti spunti che hai lasciato.
    Grazie e se sei ancora sveglio. buonanotte.

    RispondiElimina
  20. Ma lascialo perde, critica te che hai 72 anni, ma lui cosa fa.

    RispondiElimina
  21. vedo con piacere che "una persona" e secondo me ce ne sono tante altre, ha risposto in modo limpido e trasparente nel post: “Ospedale: iniziamo il 2011 come peggio non potevamo” il 07 01 11

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione