giovedì 17 febbraio 2011

Ospedale: intervista semplicemente vergognosa

C'è stato recapitato da Rieti un video di un'intervista apparsa su un'emittente televisiva reatina al consigliere regionale del PDL Antonio Cicchetti, all'indomani della manifestazione tenutasi a Rieti organizzata dal Comitato Salviamo il Marini, da noi documentata con le interviste e il colloquio sostenuto con il Direttore Generale ASL Gianani.
Vi invitiamo ad ascoltare attentamente le affermazioni vergognose del consigliere Cicchetti in questi stralci in cui si parla di Magliano e del problema della chiusura del Marini.



La formula della riconversione, secondo Cicchetti, è una formula vincente se applicata con intelligenza. Ecco, ci chiediamo se in questo piano l'intelligenza ci sia davvero stata, perchè in un piano di riconversione come quello presentato dalla Polverini si parla di Magliano come un ospedale che ha ancora aperto il reparto di ginecologia, chiuso in realtà da oltre 15 anni, e di medicina nucleare, mai presente a Magliano. Questi sarebbero i presupposti intelligenti su cui basare la riconversione in PTP con il solo primo soccorso.
Cicchetti definisce "gente avveduta" tutti coloro che quel giorno, della manifestazione a Rieti, sono rimasti a casa. Automaticamente l'offesa viene estesa ai partecipanti, rei di ostinarsi a mantenere immutata una situazione sanitaria vecchia di 50 anni, e colpevoli di essere portatori di una mentalità troppo chiusa, quella dell'ospedaluccio sotto casa. L'affermazione è grave perchè oltre ha investire il primo cittadino maglianese, presente alla manifestazione, e simbolo di una comunità, polverizza le reali motivazioni per cui si sta cercando di lottare per salvare il Marini. Il Marini, non è l'ospedaluccio sotto casa, è l'ospedale della bassa sabina, carissimo Cicchetti.



Mentre tutti noi ci domandiamo come fare in un prossimo futuro a contrastare gravi infortuni che potrebbero e che sono tutt'oggi stabilizzati grazie alla presenza di un pronto soccorso efficace, Cicchetti, come Gianani, parla di medicina alternativa cinese. E lo fa con ilarità, come se la cosa lo divertisse. Un atteggiamento che lascia senza fiato per chi si vede sfilare da sotto il naso il diritto costituzionale alla salute. Affermazioni che dovrebbero quanto meno indignare ogni singolo cittadino maglianese.
Per Cicchetti il ricatto è matematico: o la medicina alternativa cinese, o la riconversione così come prevista. A noi la scelta.



Cosa dire del Direttore Gianani? Lo fa Cicchetti per tutti noi, lo fa lui che ne è stato il promotore agli occhi della Governatrice Polverini. Persona onesta, di grande qualità e di enorme dedizione.
Qualità tutte da dimostrare allo stato attuale. Noi comunque, diffidenti di natura, consigliamo al consigliere Cicchetti di leggere le sue "prodezze" a Vibo Valentia per cui in passato si è meritato addirittura l'attenzione del famoso giornalista del Corriere della Sera, Gian Antonio Stella, autore de "La Casta".

Ricordiamo a tutti che Antonio Cicchetti, consigliere regionale PDL, fu presente nella delegazione che venne ricevuta mesi or sono, nel primo incontro con Renata Polverini, delegazione che annotava tra l'altro il sindaco Graziani, e il Senatore Angelo Maria Cicolani.
Se questo è il "Cicchetti pensiero", per quale motivo, e sopratutto, con quali convinzioni si è presentato quel giorno dalla Governatrice del Lazio in difesa del Marzio Marini?
Un personaggio che non ha capito le reali motivazioni di una battaglia che ha fatto scendere per strada oltre 2000 persone che sono riuscite, a distanza di 20 anni, a bloccare la Flaminia per oltre 2 ore. Ecco i referenti a cui questa amministrazione e il primo cittadino ha voluto dare fiducia. Da cittadini maglianesi, prima ancora che esponenti del PD, ci sentiamo presi in giro, ci sentiamo inorriditi per le parole affermate dal consigliere Cicchetti; sarebbe troppo facile per noi chiederne doverosamente le dimissioni dalla sua carica regionale, carica che avrebbe dovuto tutelare le esigenze di un intero territorio in rivolta contro un decreto infimo.
E' per questo che chiediamo a gran voce che questa richiesta sia avanzata pubblicamente dal sindaco Graziani. E' un appello che facciamo a chi, oltre ad essersi fidato oltremodo del PDL reatino senza portare a casa alcun risultato, viene ora ad essere preso per i fondelli come simbolo istituzionale della nostra comunità. Sindaco, se ha dignità per se stesso e per tutti noi cittadini, per una volta alzi la voce e chieda le dimissioni del consigliere Cicchetti.

38 commenti:

  1. VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA.....

    RispondiElimina
  2. NO DIMISSIONI DIMISSIONI DIMISSIONI

    RispondiElimina
  3. andate via davvero non si e' visto mai tanto tradimento da parte di politici verso i cittadini.
    complimenti davvero alla nostra amata amministrazione davvero andate via in massa

    RispondiElimina
  4. UNA PROVOCAZIONE INAUDITA
    Un provocatore di professione.
    ome si può dfinire altrimenti un soggetto politico, per di più consigliere regionale di maggioranza, che tira fuori esempi di quando la gente andava a dorso di mulo o col calesse e non c'erano le autostrade, dimenticando che l'ospedale di Magliano Sabina fu inaugurato nel 1973 e che tale infrastruttura è ancora attualmente al passo con i tempi, moderna ed efficiente?
    Oppure quando riferisce che soltanto 100 persone erano a manifestare sotto alla asl di Rieti, cosa ci vuole per far capire quali siano le ragioni di un popolo, una rivoluzione? lo dica signor Cicchetti, vuole ci si provochi a vicenda? lei con le parole noi con i fatti?
    Si vergogni!!
    Nel continuare l'ascolto, mi vien da dire, ma di cosa parla questo equivoco personaggio! a nome e per conto di chi!
    Una vergognosa, quanto sterile propaganda a difesa di interessi non della collettività come vuole fare apparire in alcuni passaggi, ma esclusivamente di interessi privati nel perfetto stile storaciano anni 2000, causa del disastroso deficit di bilancio sanitario laziale.
    Quelle provocatorie proposte di medicina alternativa cinese, le andasse a fare in un qualsiasi simposio preso l'università cattolica, oppure in qualche struttura sanitaria privata diretta e di proprietà vaticana.
    Notato? si è fatto riferimento pure al dott. Gianani, DG della asl, riferimento ai suoi numerosi viaggi in Cina, e chissà non ci avesse preso pure moglie, e magari la signora, dottoressa di quella medicina a lui tanto cara.
    Ecco dott. Gianani, fossero così le cose, perché non si costruisce lei una clinica del genere con i suoi soldi, magari a Magliano in concorrenza con un ospedale tradizionalmente di chirurgia e medicina occidentale.
    Doppia vergogna signor Cicchetti, una, per le provocazioni trasmesse, l'altra, per non avere cercato un esponente di controparte per confrontarsi in maniera più democratica.
    Ma per lei, per la sua cultura politica, la democrazia non è mai esistita.

    SPERO TUTTA L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE SAPPIA ADEGUARE LA RISPOSTA CHE MERITA, LE DIMISSIONI DI TUTTO IL CONSIGLIO, MAGGIORANZA E MINORANZA, CHIEDENDO NEL CONTEMPO LE DIMISSIONI DI TALE PROVOCATORE.

    ps-
    Chiedo scusa a “Magliano Democratica” per la doppia pubblicazione, ma voglio dargli la maggiore visibilità possibile

    RispondiElimina
  5. La destra mi fa schifo17 febbraio 2011 22:02

    Ma lo avete visto in faccia? Cosa pretendete allora!

    RispondiElimina
  6. caro onorevole cicchetti e' vero prima le persone si spostavano in groppa ai somari,ma e' pur vero che gli onorevoli prendevano uno " stipendio" MOLTO piu' basso. allora se economia si deve fare date il buon esempio

    RispondiElimina
  7. per l'ospedale è la fine ,e sopratutto è la fine della tempistica sul soccorso...........a tutte quelle persone che hanno creduto al caro sindaco e a i suoi scagnozzi deridendo quelle magnifiche persone che hanno formato il commitato mettendoci la faccia cercando di far capire quale era la verità,be, ora andatevi a fare l'ago puntura........ps,sapete che anche la professione del dentista è abilitata per l'ago puntura?

    RispondiElimina
  8. extra terrestre17 febbraio 2011 23:20

    E questi sono coloro ai quali il nostro primo cittadino si è affidato... "gli amici" degli assessori di questa amministrazione??? e ancora sento dire "ma il sindaco povero,cosa doveva fare di più?"
    Di più???
    almeno evitare che si prendessero per il culo quei cittadini "poco avveduti" che tanto seriamente si sono impegnati per questa causa, ma ormai è chiaro, una parte di quei cittadini e le loro azioni erano troppo d'intralcio per il raggiungimento di chissà quale obiettivo,certo, a questo punto, non quello di salvare il nostro ospedale. bene io sindaco questo non te lo perdono... soprattuto perchè voi stessi avete usato i mezzi più meschini per definire questa "parte di cittadinanza",e tu che dici di amare tanto magliano hai permesso che politici che non sanno neanche parlare definissero questo paese, un paese di ottusi... beh qualche spiegazione mi dispiace la dovrete proprio dare...

    RispondiElimina
  9. il governo cinese???????????
    ma già dobbiamo sopportare il nostro di governo...

    RispondiElimina
  10. Una volta almeno i somari si utilizzavano per spostarsi, adesso i somari li mandiamo direttamente in Parlamento o in consiglio regionale. Ogni riferimento all'onorevole (sic) Cicchetti è puramente casuale!

    RispondiElimina
  11. Ma Cicchetti non è quello che a maggio aveva rassicurato il sindaco. Cicchetti non era il referente di questa amministrazione comunale? Ve li ricordate tutti a leccargli i piedi all'inaugurazione del 118! E adesso me ne dovrei andare in Umbria? Ma fatela finita BUFFONI! Quantomeno la soddisfazione di dare una pedata nel sedere a questo TROMBATO non me la voglio negare. Ecco di chi è la colpa se l'ospedale chiude! Di Cicchetti e dei suoi compari maglianesi. Il referendum serve solo a scoprire questa realtà lampante. L'onorevole era convinto che siccome quell'emittente si vede solo a Rieti nessuno qui l'avrebbe ascoltato. Pare de rivede Rositani che a Magliano diceva che l'ospedale non si toccava poi andaava a Poggio Mirteto e diceva il contrario. Ovviamente il "ceppo" è sempre lo stesso: quello FASCISTA. Tutti i maglianesi devono vedere questo video!

    RispondiElimina
  12. Ottima idea quella che tutti i maglianesi lo debbono vedere e ascoltare; si potrebbe fare con una manifestazione al teatro Manlio prossimamente, seguita da libero dibattito.

    RispondiElimina
  13. indignata,indignata,non trovo più le parole per il disgusto che ho provato nel vedere questo video.Non credo che il tempo degli asini sia finito perchè ci sono ingiro ancora individui come CICCHETTI e in sua compagnia il sindaco e i suoi compari,si deve chiedere le dimissioni anche a coloro che hanno dato in pasto a costui tutti i cittadini maglianesi.VERGOGNATEVI IPOCRITI FALSI E FASCISTI

    RispondiElimina
  14. Caro sindaco ora vai in umbria portati dietro anche i somari ma lascia i maglianesi in pace siamo stufi di essere presi per il c..o da voi della maggioranza...

    p.s.
    dovevi continuare a fare il dentista e non occuparti di politica!!!!!!

    RispondiElimina
  15. Porco POrco PORCo PORCO

    RispondiElimina
  16. il consigliere cicchetti non ha capito le reali motivazioni della lotta per il marzio marini. questo non è il giocattolino dei maglianesi, bambinoni presuntuosi che vogliono a tutti i costi l'ospedale sotto casa. il marini è un ospedale di un intero quadrante della provincia di rieti e addirittura della coonfinante umbria. per di più con il collegamento autostradale diventa di fondamentale importanza nei casi di emergenza. l'arroganza con cui questo non si caapisce mi fa sentire davvero schifato, e l'unica cosa che si riesce a dire è quello di accettare la medicina cinese altrimenti la riconversione. un ricatto. io mi chiedo se ora qualcuno, i maglianesi ma prima ancora alfredo che ne è il sindaco, non si sentono in dovere di rispondere a queste affermazioni. esigo che qualcuno dica qualcosa che tuteli quanto meno la posizione dei maglianesi.

    RispondiElimina
  17. I maglianesi caro mattia, così tutti gli altri residenti nei restanti comuni della Sabina, sono rappresentati istituzionalmente dal sindaco, ma questo sindaco, rappresenta davvero i maglianesi?
    Ci fu una proposta da parte dell'altro rappresentante istituzionale, quello dell'intera procincia Melilli, la proposta di aiutare con la sua presenza il sindaco di Magliano.
    Cosa rispose queti? lo sappiamo tutti, disse che non era compito suo autorizzare che Melilli lo potesse accompagnare all'incontro con la Polverini e Cicolani.
    Capitooo! questo signore lo avete autorizzato a farvi rappresentare istituzionalmente e sarebbe giusto affermare ben vi sta se non fosse per decine di centinaia di altri compaesani che soffrono il disagio della presenza di questo personaggio.

    RispondiElimina
  18. Mo te scolla più il culo da quella sedia!
    Sta gente come ha assaporato un minimo di potere, cor c...o lo lascia più! nemmeno coi sorfaroli li manni più via da lassù.

    RispondiElimina
  19. Vogliamo ringraziare tutti coloro che in queste ultime ore ci stanno contattando anche privatamente sul social network facebook.
    Certo avremmo gradito qualche altro argomento con cui parlare, ma le diachiarazioni di Cicchetti hanno lasciato l'amaro in bocca a molti maglianesi.
    La dimostrazione, oltre ai commenti che possiamo leggere qui, e come già detto anche a quanti ci hanno contattato, sono le visite al blog che sono schizzate verso numeri mai visti prima nel giro di poche ore.
    Abbiamo sfondato la soglia dei 240 accessi unici in mezza giornata sintomo questo che la notizia ha fatto scalpore così come ha suscitato un profondo senso di indignazione.
    Vi ringraziamo per la discussione e speriamo da maglianesi che qualcuno, che ancora è rimasto nel silenzio, si faccia sentire.

    RispondiElimina
  20. quel qualcuno ,dopo questi fatti,è deceduto !!!!!

    RispondiElimina
  21. il silenzio non può essere più accettato, io vi ho votato, esigo delle risposte e delle prese di responsabilità, voglio sapere perchè vi siete affidati a questi personaggi,voglio sapere perchè non avete sentito la necessità di informare il vostro elettorato ed il resto dei citadini che comunque rappresentate, chi ha lavorato e per chi, come e cosa si è fatto per ottenere qualcosa che un minimo rispondesse alle esigenze di questo paese e di questo territorio, perchè questa omertà, perchè questa intesa di più persone all' interno di questa amministrazione per rendere "quasi" impossibile l'individuazione dei reali colpevoli,saccheggiatori di diritti e di dignità, che oggi con sberleffo parlano dei maglianesi.
    come avete potuto permettere che questo accadesse.
    da tutto ciò ne raccogliamo la sconfitta definitiva.
    non c'è bisogno di filare in umbria, basta andarsene da questo paese ormai "vuoto"....

    RispondiElimina
  22. Quanto mi piace la passione che ci mette questa ragazza e con tutti i dovuti rispettosi distinguo, distinguo riguardanti l'età certamente, quasi mi somiglia.
    Mi piace sopratutto il riferimento che fa all'omertà, perché tutta questa omertà!?
    Brava Emanuela, sei giovane, cerca di trasmettere ai giovani questo grande privilegio di essere coraggiosi, di dire la verità, di denunciare le ingiustizie e coloro le commettono.
    Hai ascoltato ieri sera Roberto Benigni? Conoscevi l'età di quegli eroi che han fatto l'Italia? Tutti ventenni; perdere la vita a vent'anni per dare la Vita ad una Nazione, ad un Popolo.
    Congratulazioni Manu.

    RispondiElimina
  23. Mandate a casa questa gentaccia ha venduto magliano con tutti i maglianesi
    vergogna

    RispondiElimina
  24. complimenti a Emanuela,siamo tutti con te , è ora di finirla con questo bonismo e con la falsità che questi"signori" ci hanno propinato per tutti questi mesi,non hanno più scuse ora devono uscire allo scoperto e spiegarci loro gioco sbdolo.

    ps:
    dopodichè,signori, siete pregati di dare le vostre dimissioni!!!!!

    RispondiElimina
  25. aprile, grazie per i complimenti, purtroppo non ho più vent'anni, quasi il doppio, ed è proprio per questo che sento il "dovere" di asprimermi senza riserve affinchè,e lo spero vivamente, i giovani così lontani dalla politica sentano l'esigenza di riappropriarsi del loro futuro,e se questo significasse rivoluzionare il sistema io più adulta ,sarò sempre con loro, con "la passione" di una vent'enne

    RispondiElimina
  26. su questo blog mi sembra di vedere il gioco delle tre campanelle, dove il prestigiatore muove la pallina e il compare gli fa da spalla. I commenti non sono assolutamente spontanei e si vede da lontano che sono più o meno gli stessi che li fanno. I numeri degli accessi lasciano il tempo che trovano perchè sono dichiarati ma non riscontrabili.
    Ma a proposito, per il referendum ci state pensando? Siete proprio sicuri che non ne valga la pena? Pensate di affiancare nel cammino il cittadino maglianese che già si è espresso in merito? Una bella alleanza non sarebbe male. Buon lavoro

    RispondiElimina
  27. Ma hai ancora la faccia tosta di affacciarti? Ti dovresti porre sotto terra per almeno tre anni, tanti quanti ne mancano alle prossime amministrative; ti dovresti cibare di radici e bere nelle pozze come le talpe.
    Vergognati!

    RispondiElimina
  28. E non cercare di divagare perché lo sai anche quali sono i motivi del contendere; l'ospedale! hai capito? l'os-pe-da-le.

    RispondiElimina
  29. vogliamo rispondere al commentatore Malachia.
    il problema non è pensare sul come porsi nei confronti del referendum, il problema semmai è non pensare e dare per oro colato ciò che ci viene propinato.
    è importante, anzi fondamentale, che tutti i maglianesi, pd compreso ovviamente si pongano in maniera assolutamente critica nei confronti delle tematiche che verranno portate avanti per il cambio regione.
    solo gli sciocchi o i disillusi prendono per buono qualsiasi cosa. e fino ad ora c'è poco da prendere in esame, perchè al di fuori di quattro chicchiere fatte sul tema, come ribadito nel comunicato di ieri apparso sui giornali, l'amministrazione non ha ancora proposto un progetto concreto e realizzabile per il futuro di magliano in umbria.
    anzi qualcuno si è già preoccupato di colpire con velate prese in giro un cittadino maglianese che si è fatto promotore di un'espressione democratica. c'è chi dice che questo referendum non deve ridursi ad essere una disputa tra chi è pro alfredo e chi no, ma forse qualcuno che invece ha proprio questa intenzione.

    per ciò che riguarda i commenti pubblicati, la cosa che ci conforta e che ci sorprende, così come sorprenderà lei, è che la maggior parte di loro sono commenti firmati, cosa che nel passato o altrove non ritroviamo. questo significa che la gente sta uscendo dal guscio dell'omertà.
    per quello che riguarda gli accessi non siamo certo noi ad avere il problema di credere a quello che abbiamo detto; lo abbiamo fatto come sempre con la totale onestà, non avremmo motivo di mentire sui numeri, che sono per noi in questo caso invece motivo di grosso orgoglio.

    RispondiElimina
  30. Mi dispiace di arrivare tardi al dibattito,ma solo oggi ho avuto l'occasione di sentire lo sproloquio di Cicchetti.Questa sottospecie di politico sa cos'è un ospedale?Quando nomina Valmontone come struttura aperta dalle ore 8 alle ore 20 non ci dice se esiste un Pronto soccorso.Dal che si deduce che Valmontone non è in ospedale ma un poliambulatorio.Questo signore ci sta ancora una volta prendendo in giro.I suoi accenni a muli ed asini ne denunciano la provenienza.Infatti insieme ai suoi concittadini non vede oltre la piana reatina.La trasformazione dell'Ospedale di Magliano, struttura portante per la Bassa Sabina,in struttura che eroga medicina cinese se la faccia a Rieti in collaborazione con qull'altro gentiluomo del Direttore Generale ASL Gianani.Quello di Magliano è un Ospedale che avendo l'autostrada nelle vicinanze, andrebbe potenziato, istituendo il Servizio di Ortopedia e Traumatologia con annessa la riabilitazione,e lasciando il Pronto Soccorso e 20 posti di Medicina Generale.Questa idea però è troppo lungimirante per entrare nella zucca di chi ci governa(tale è infatti la struttura pensante di Cicchetti e dei suoi accoliti).

    RispondiElimina
  31. Le prese in giro provengono sempre dal medesimo luogo e dai medesimi soggetti, il gruppetto che si riunisce giornalmente sotto l'orologio e che ci sarebbe tanto da ridere su costoro.
    Ma a noi non interessano certe, definiamole curiosità, lasciamole a quel branco di oziosi nulla facenti.
    A proposito, questa la voglio raccontare.
    Si sa benissimo cosa ne pensi della fontana (che comunque è ormai noto i più la pensano come me, un impiccio da non credere dato che era la piazza più ampia del paese).
    Passando accanto ad un tavolo di un bar ove era seduto anche il sindaco, questi, pur di non smentire la sua PRESUNTA ironia dice rivolto ai suoi temporanei conviviali:
    - Adesso faremo pure una fontana a piazza del Duomo e un'altra a piazza S. Pietro.-
    Credendo forse di farmi dispetto.
    Allorché, dopo avere bevuto un caffè con un amico, uscendo dal bar e ripassando in prossimità del tavolo dico rivolto all'amico:
    - Lo sai, prossimamente faranno altre due fontane, una a S. Pietro e l'altra a S. Liberato.-

    Questo per farvi capire che ca...o di sindaco abbiamo ad amministrare, si amministrare, per fare i dispetti.
    Bah!

    RispondiElimina
  32. Infatti sono firmati tutti da cg!!!

    RispondiElimina
  33. malachia=cassandra=ruggeri...facile no?

    rosica assessò, però me raccomando cicchetti vomita cazzate e voi tutti zitti!!! avanti così!!!

    RispondiElimina
  34. il treppiede scricchiola forte quasi come la figurina e il pupazzo.
    La chiameremo la triade per l'ospedale.
    che andassero a casa hanno terminato questo paese!

    RispondiElimina
  35. voi nn siete un partito quello che leggo in questo blog rispecchia la situazione nazionale del p.d siete delle civette.Tutti contro berlusconi e berlusconi guadagna consensi e governa..qui tutti contro il sindaco che guadagna anche lui consensi che se ne dica.L'opposizione deve cm ha detto benissimo RENZI che voi nn considerate ma per me è l'unico dovete trovare proposte alternative e convincere gli elettori e nn sparare contro x il gusto di denigrare l'avversario che poi vi si rivolta contro..BASTA BASTA (firmato CHE-GUEVARA)

    RispondiElimina
  36. Ma secondo te, un sindaco che non fa il sindaco vuol dire avere gusto a denigrarlo? E per non fargli guadagnare consensi, come dici te, occorrerebbe stare zitti? Ma che concetto hai della democrazia tu!
    In quanto all'opposizione potresti avere anche qualche punto di ragione trovando me d'accordo, rassicurandoti che si, si sta lavorando per proporre cose che dovrebbero tirare fuori dal pantano Magliano, ma avrai pur sempre davanti a te una maggioranza che non ti ascolta e va non avanti, ma indietro e per conto suo.
    In quanto a Renzi pure sono d'accordo con te, proprio ieri sera si parlava appunto di questo e mi son chiesto:
    -Ma possibile questo Paese non dovrebbe avere un capo di un governo quarantenne?-
    Cosi come Magliano dovrebbe avere un sindaco altrettanto giovane.
    Però aspetta; ma tu cosa fai per contribuire affinché questo avvenga?
    Non basta mica ricordarlo, occorrerebbe fare qualcosa di più non credi?
    Buona Domenica.

    RispondiElimina
  37. Vincenzo Lodovisi20 febbraio 2011 10:28

    se dovesse perdere anche il referendum il sindaco di magliano cosa farà?

    RispondiElimina
  38. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione