domenica 20 febbraio 2011

Video Cicchetti: Graziani prova ad aggirare il problema

«siccome non ho visto l’intervista declino l’invito a chiedere le dimissioni dell’onorevole del Pdl. Se fossero vere le sue affermazioni, di sicuro gli elettori ne terranno conto».
Alfredo Graziani - Il Messaggero di Rieti - 20/02/2011

Troviamo strano che il sindaco Graziani non abbia ancora visto l'intervista al consigliere regionale Cicchetti, da noi pubblicata giovedi scorso sulle pagine del blog (PER VEDERE CLICCA QUI), e che in questi giorni hanno fatto tanto discutere la popolazione maglianese, quanto meno tutti coloro che hanno avuto modo di vederla. Affermazioni gravi su ciò che riguarda la chiusura del Marini (1 aprile 2011) e sulla mentalità dei maglianesi, colpevoli secondo Cicchetti di essere legati troppo alla concezione dell'ospedaluccio sotto casa.
Quando a parlare di ospedaletto fu la giornalista Rossella Vivio (seppur intendendo con questo una altro concetto) sulle pagine del "Giornale di Rieti", l'assessore Ruggeri non mancò di rispondere con una solerzia e con un tempismo da primato, invitando la stessa incolpevole Vivio a non presentarsi più a Magliano. Cosa avrebbe dovuto fare allora Graziani davanti alle dichiarazioni di Cicchetti, riportate anche sui giornali locali nell'edizione di ieri?
Ci saremmo aspettati per prima cosa la visione di tale intervista, vista l'importanza, che dubitiamo non sia avvenuta, e in seconda battuta una presa di posizione forte, chiara, decisa, in difesa di tutti i cittadini maglianesi.
La dignità di questa popolazione non può non essere difesa.
Abbiamo capito invece che il sindaco è, diciamo goliardicamente, distratto a tal punto di non dar peso a queste frivolezze. Peccato però, e qui teniamo a ricordarlo, che il consigliere regionale PDL Cicchetti è stato uno degli elementi che hanno partecipato al primo, e ad oggi unico, incontro con la Polverini alla presenza del sindaco e del senatore Cicolani; di conseguenza le sue parole assumono un peso ben diverso dalle chiacchiere. Sindaco Graziani, visto il "Cicchetti pensiero", che ci auguriamo potrà sentire in questi giorni, ora che ne è stato informato, piuttosto che schivarlo, crede davvero che non sia il caso di chiedere le dimissioni di questo falso paladino della causa "Marzio Marini"?
Abbandoni il discorso elettorale per una volta, è in ballo il rispetto nei confronti dei maglianesi.
Cosa la trattiene ad informarsi e dunque a rispondere?
Probabilmente la sua amicizia e il suo sostegno all'esponente PDL che come possiamo notare da questa foto non è mai venuto meno, nemmeno quando la Polverini tolse dall'incarico di assessore regionale Cicchetti, tanto da far insorgere gli esponenti reatini del partito di centrodestra.
Ricorda quel 23 giugno 2010 a Rieti? Lei era presente sul palco insieme alla Nobili, a Costini, a Cicolani (personaggi che abbiamo imparato a conoscere in questi mesi di lotta per l'ospedale) e al defenestrato Cicchetti, mentre sotto la folla bruciava le schede elettorali in segno di protesta.
Che la favola della apartiticità di questa amministrazione si sia finalmente rivelata un bluff?

Continuiamo a domandarci come pensa di uscire da questo empasse in cui si è volutamente cacciato; noi una soluzione gliela abbiamo già fornita, e sarebbe stato semplice per lei far capire ai cittadini da che parte stare. A giudicare dal sentimento generalizzato della popolazione informata le consigliamo anche di prendere per buono questo nostro consiglio, altrimenti avremo modo di credere che anche lei sia sostenitore di tali affermazioni.

Dal resto della maggioranza invece vige un silenzio tombale. La notizia è fatta passare sotto tono, come a voler coprire un imbarazzo che meriterebbe uno scatto di orgoglio nel rispetto di tutti i maglianesi. Ma se il sindaco è troppo timido o troppo in difficoltà per rispondere a quelle che noi riteniamo delle offese nei confronti di tutti coloro, sindaco in testa lo ribadiamo, che si sono spesi per il diritto costituzionale alla salute che ci viene insensatamente tolto, vogliamo esortare tutti gli esponenti del PDL presenti in questa amministrazione, assessori e consiglieri, non includendo ovviamente Graziani.
Assessori e consiglieri del PDL, se avete ancora rispetto per i cittadini tutti che siete chiamati a rappresentare istituzionalmente, abbiate il coraggio di dimostrare la vostra dignità chiedendo le dimissioni del consigliere regionale Cicchetti, vostro esponente, accantonando ogni forma di servilismo partitico; fatelo voi dimostrando di essere al di sopra delle parti di essere realmente attaccati a questo territorio. Evitiamo l'ennesimo scivolone su una buccia di banana.

15 commenti:

  1. non pensavo che le cose stavano così che schifo sono tutti uguali

    RispondiElimina
  2. Grandioso, eloquente e significativo post, che serve a far luce sulla infima telenovela politica che ha dato l'ultimo colpo di mannaia al nostro Ospedale. Che Cicchetti si dimetta o no (e dovrebbe farlo) ci interessa relativamente, se lo tenesse Rieti e la Polverini, è da noi che dobbiamo fare pulizia, per il bene e la sopravvivenza della nostra comunità, e quindi liberarci delle persone false e incompetenti.

    RispondiElimina
  3. strano che il pd sia l'unica forza politica a chiedere le dimissioni di questo che non si sa che è andato a fare della polverini se ne poteva stare a casa e la prossima volta graziani potrebbe portarsi altre persone. tutte le forze politiche stanno zitte anche quelle di sinistra la cosa puzza.

    RispondiElimina
  4. Redazione Magliano Democratica20 febbraio 2011 17:04

    "Sorge spontanea la domanda al sen. Cicolani. Se ritiene soddisfacente il piano nel reatino, e condivide la scelta di avere a parità di budget altre attività, per quale motivo si sforza di accompagnare il sindaco Graziani presso la Polverini, il quale chiede che invece vengano mantenute pronto soccorso e 22 posti letto?"

    Niccolò


    Questa è una domanda che abbiamo già posto in essere diversi giorni fa allo stesso Cicolani. Ci dispiace per alcuni ragazzi, tra questi anche Niccolò, forse ancora fin troppo ingenui, illusi da quelle promesse che questa amministrazione tramite i propri referenti del pdl hanno fatto ingoiare a quasti tutti i maglianesi.
    Un pillola indolore che ci siamo sforzati di mandare giù giorno dopo giorno e che ora ci sta portando a rigettarla.
    Queste domande sono state poste dallo stesso Niccolò anche al nostro sindaco?
    E cosa dire del consigliere Cicchetti, il quale lo stesso Graziani dichiara di non aver sentito nell'intervista, e parla come se quello che abbiamo pubblicato fosse stata nostra invenzione?

    Vogliamo mandare al sindaco un messaggio di solidarietà, perchè in questo stato di frastornamento avrebbe bisogno di qualcuno che potesse consigliargli meglio, piuttosto che fare la figurina e rimanere nel silenzio.
    Un silenzio assordante, che fa male.
    Rimane però un punto fondamentale, il popolo maglianese merita maggior rispetto e maggiore onestà.

    RispondiElimina
  5. una pillola? piuttosto direi essere stata una supposta...somministrata neanche tanto lentamente e che indubbiamente ha procurato moltissimo dolore...
    certo l'affermazione non è delle più raffinate ma a dirla tutta si potrebbe essere ancor più "diretti".
    se posso permettermi di fare una osservazione al PD, ritengo siate un "Pò" troppo "democratici"
    ed intanto i cittadini aspettano delle risposte che secondo il mio parere dovreste sollecitare con una ben più incisiva solerzia.

    RispondiElimina
  6. “Vogliamo esortare tutti gli esponenti del pdl presenti in questa amministrazione, assessori e consiglieri, NON INCLUDENDO OVVIAMENTE GRAZIANI” … a chiedere le dimissioni di Cicchetti.
    E perché Graziani no? Forse perché non sarebbe un iscritto a quel partito? E chi lo dice non abbia la tessera!
    Oppure se non l’avesse faccia una cosa, una cosa che lui conosce molto bene per averla il sottoscritto pronunciata quasi continuamente, so che non lo farà ma glie lo ricordo lo stesso; si dimettesse lui e al più presto, prima lo faccia in maniera molto più drammatica.

    RispondiElimina
  7. Francesco Di Basilio20 febbraio 2011 22:35

    Rispondo qui sul blog del mio partito al post firmato dal Consigliere Falcetta sul Blog di MI.
    Il post finisce con una constatazione del consigliere e una domanda a noi del PD locale chiedendoci cosa abbiamo fatto dal 2007 al marzo 2010 per specializzare la struttura.
    Rispondo subito che sono i fatti che ci vengono in aiuto:
    - nel settembre 2007 dopo il decreto 25 del Commissario Marrazzo che ci azzerava riusciamo grazie ad un'incontro tra il Sindaco di allora, il Presidente della provincia (che voi vi rifiutate di far partecipare alle trattative...) ed i sindacati a salvare l'ospedale all'interno di un Polo Unico Integrato che prevedeva a Magliano 40 pl per acuti e 12 pl di Riabilitazione oltre al potenziamento dei servizi e della piastra ambulatoriale. Tutto ciò è avvenuto anche grazie alla spinta del nascente circolo del PD (le primarie costitutive ci saranno il 14 ottobre 2007 ed allora il circolo era retto da un comitato promotore da me guidato)e del comitato che spontaneamente era nato ed in cui erano presenti tutte le forze politiche e sociali del paese
    - una volta ottenuto questo abbiamo spinto con forza affinchè fossero completate tutte quelle opere necessarie alla struttura come ad esempio il Blocco operatorio che è stato realizzato
    - abbiamo spinto ed ottenuto ingenti investimenti sulla struttura in tecnologie ed infatti sono state acquistate nuovissime attrezzature di ultima generazione (es. nuova TC MultiSlice, Radiologia Digitale, nuovi ecotomografi, nuove apprecchiature per EcoColorDoppler, nuove attrezzature per le sale operatorie, nuovi arredi nei reparti di degenza e nei servizi)
    - abbiamo spianto affinchè fossero potenziati i servizi di eccellenza del nostro ospedale
    - abbiamo spinto affinchè si aprisse il cantiere per la nuova riabilitazione con 12 pl (i lavori sono ancora in corso anche se a questo punto visto le intenzioni della dirigenza ASL attuale ci chiediamo a cosa servirà)
    - abbiamo chiesto con forza ed in tutte le sedi, ed in questo purtroppo non siamo stati ascoltati, l'attivazione di 2 pl di terapia subintensiva.
    Insomma abbiamo fatto quello che era nelle nostre possibilità sia per cercare di salvare l'ospedale sia per dargli una forte prospettiva futura ( siamo stati i primi nel 2006 a parlare di integrazione ed unione con Civita Castellana ed allora ricordo quello che dalle parti del consigliere Falcetta pensavano di quella proposta, abbiamo presentato progetti idee (lultima prima del decreto è del giugno 2010 la presentammo in Sala Consigliare) ripeto alcune hanno trovato successo altre no. Ma certo non ci si può dire di essere stati fermi.
    Domando al Consigliere Falcetta se ricorda chi nel settembre 2009 (portando anche proposte nella commissione Sanità) denunciò lo scippo degli ortopedici del nostro ospedale rimanendo perlopiù inascolato. Fui io con il mio partito nonostante alla direzione ASL c'era una dirigenza a noi amica. Accusare gli altri è sempre semplice, ma sono i fatti a parlare con noi l'ospedale era salvo e grazie agli investimenti fatti aveva una prospettiva di futuro, arrivato il centrodestra se ne è fregato degli investimenti ed ha chiuso i battenti e basta. Cercare di nascondere questi investimenti fatti con il giochino del sono tutti uguali a me non piace e credo che non piaccia nemmeno alla gente perchè ci si dimentica che con questo giochino si ammazza il merito quello che dovrebbe essere alla base di ogni efficiente amministrazione.

    RispondiElimina
  8. miei cari compagni a me piace usare ancora questa parola...con questa opposizione sterile e pregiudiziale non cavate un ragno dal buco.State facendo lo scarica barili delle colpe tra voi e la maggioranza..inetti a dir poco c'è di mezzo la salute dei cittadini e non sapete fare altro che il rimpiattino.Ci vogliono azioni forti eclatanti di risuonanza mediatica uno es, blocchiamo l' A1.blocchiamo le ferrovie costringiamo le lobby del potere a vedere che carte abbiamo ricordatevi senza una lotta dura e continua non si riesce a fare nulla.....CHE GUEVARA.

    RispondiElimina
  9. Compagniiii!!!
    Tu saresti un compagno? un compagno che si nasconde?
    Sei un buffone e basta e finiscila tu a proposito, perché vero, stiamo trattando della salute, nostra e di tutti gli altri, e allora fatti vedere chi sei.
    Oppure stattene occultato e non rompere con le provocazioni; abbi tu il rispetto per i tuoi compaesani.

    RispondiElimina
  10. Hai visto come sa piangere adesso? dopo avere scinicato... letteralmente Magliano, averlo distrutto prima nei rapporti interpersonali e sociali tra cittadini, un percorso alla caccia all'untore iniziata una decina di anni fa; poi oggi economicamente essendo responsabile politico al pari del sindaco e di tutti i restanti consiglieri della chiusura delle scuole, dell'ospedale, della mancata ricostruzione di infrastrutture viarie comunali,
    del mancato realizzo di parti del loro programma quali Raccolta differenziata, piscina (però han fatto la fontana), fotovoltaico; adesso ripeto si è messo a fare del vittimismo.
    Un consiglio sereno e disimpegnato però sento darglielo, non dimetterti tu, non fare da capo espiatorio, fai dimettere quel falsone (falso perché non si smentisce mai nel negare anche l'evidenza vedi l'intervista al suo camerata) di sindaco che vi ha manovrato come foste dei pupi.
    E fa ridere pure il resoconto di due mesi dell'altro bamboccione quando afferma che da due mesi appunto non legge più i blog.
    Certo, quando la nave affonda i topi scappano.
    Non prenderlo sul serio Francesco, stiamo andando a gonfie vele e con ancora piccoli ritocchi l'opera sarà pronta.
    La gente ormai se ne è resa conto l'errore che ha fatto eleggendo tali personaggi che, poverini, se ne sono accorti anche loro con quali marpioni hanno a che fare nei loro partiti.

    RispondiElimina
  11. ma un certo consigliere,crede davvero di essere in grado di dare consigli alla sinistra locale?non ha forse letto chi sono i politici che hanno girato le spalle al( suo)sindaco?crede veramente di sentenziare ,quando loro non hanno fatto altro che girare intorno al problema ospedale?Vede consigliere ,lei non ha ne l'età ne le capacità di mettersi in cattedra e dare lezioni di qualsiasi genere.Disdegna la sinistra ,forse perchè non è più quella dove alcuni personaggi,all'epoca nella minoranza , ne hanno tratto profitti,oggi vi siete resi conto che nessuno vuole più favorire questi soggetti e che la sinistra sta facendo una politica pulita e trasparente,allora siete pronti ad attaccare senza conoscere ,solo così vi credete invincibili ma il popolo maglianese ha già tirato le sue conclusioni. Non prenda per oro colato quello che le dice" papà" perchè a volte c'è anche un'altra verità da prendere visione.

    RispondiElimina
  12. E certo che vedere questo sindaco su quel palco, con quei personaggi, quei personaggi che oggi lo deridono fa non solo sensazione, ma disgusto.
    A Grazià e falla finita sta commedia no? possibile un esperto in commedie come te non riesce a trovare un finale?

    RispondiElimina
  13. siete in difficoltà21 febbraio 2011 14:50

    quale è il problema, tanto tra pochissimo saremo in umbria,il cuore ROSSO e non verde d'Italia.Lì avremo l'ospedale,scuole efficienti,trasporti gratuiti,tante fontanelle.Così finalmente il sindaco che ha detto di voler bene al PD si troverà a suo agio insieme a tanti compagni.Il problema sarà per il prossimo futuro sindaco,Falcetta,ufficialmente investito tale da chi il sindaco l0 avrebbe voluto tanto fare,purtroppo per lui gli è rimasto solo fare il leccapiedi"de u Rosciu".invece di dare le colpe alla sinistra il futuro sindaco di magliano e quello dell'evoluzione democratica si preoccupassero di chiedere le dimissioni di cicchetti e compagnia prima che siano i cittadini a chiederle a loro.

    RispondiElimina
  14. Per favore non fategli del male, al falcetta voglio dire poiché va a finire che ci crederà per davvero a fare il sindaco.
    Poi sa che delusione?

    RispondiElimina
  15. ma il sindaco l'avrà visti i video?

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione