martedì 22 marzo 2011

E va a finire che la colpa è la nostra. Allibiti!

Il sindaco di Magliano Sabina, Alfredo Graziani, ha deciso insieme a tutta la maggioranza di ritirare il referendum proposto il 17 novembre scorso nel consiglio comunale svoltosi presso il Teatro Manlio.
La notizia viene appresa dalla popolazione attraverso la stampa locale di oggi.
Vi proponiamo l'articolo del Messaggero di Rieti con le dichiarazioni sempre più sconcertanti del sindaco.

Se il Comune capisce che non può andare a buon fine, allora, nonostante l'apertura dei comizi elettorali, il referendum può essere ritirato. E così, come conferma la Prefettura, la giunta di Magliano batte il ritirata. Per evitare l'insuccesso alle urne e un inutile aggravio di spesa, domani revocherà con una delibera di autotutela l'atto col quale era stato indetto il referendum secessionista. "Manca l'appoggio politico - afferma il sindaco Alfredo Graziani - se il Pd locale ci avesse appoggiato, lo avrebbero seguito sia quello provinciale che quello umbro. E invece siamo stati lasciati soli. E poi, visto mai che la presidente Polverini apprezzi e decida di salvare l'ospedale?". Va bene essere ottimisti, ma così non sarà troppo?

12 commenti:

  1. ex vostro elettore22 marzo 2011 17:30

    era impossibile fare peggio di LINI,
    voi ci siete riusciti
    GRAZIE!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Ho l'impressione che questa amministrazione stia acquisendo la tendenza a nascondere le sue responsabilità, rispetto all'insuccesso delle proprie strategie, dietro le decisioni altrui di prenderne con cognizione di causa le distanze.
    Il referendum verrà ritirato: motivo addotto dal Sindaco "manca l'appoggio politico" "siamo stati lasciati soli". Io penso che questo è la conseguenza di un'azione fallimentare che l'Amministrazione avrebbe potuto evitare semplicemente ponderando e soppesando correttamente elementi concreti e non ipotetici dell'andare in Umbria...o ancor più semplicemente lavorando veramente "insieme" (strano che la lista si chiami così, ma che gliene sia sconosciuto il significato) a chi, come il PD locale rappresentato nel gruppo di minoranza, qualche dubbio evidentemente lo ha avuto, essendosi poi astenuto dal votare per indirlo in fase di consiglio straordinario.
    Vorrei dare il mio parere rispetto al commento di "ex vostro elettore": credo che per fare "peggio" di Lini non ci sia bisogno di "Magliano Democratica"...ci riesce benissimo Graziani da solo! ("insieme" ai suoi naturalmente)

    RispondiElimina
  3. chi vuole solo essere informata22 marzo 2011 21:33

    mi affaccio sui blog perchè li trovo un valido mezzo di informazione...ultimamente mi rendo conto quanto però trapeli una profonda ipocrisia, il mio commento non vuol essere di parte ,ma constato che sul blog di magliano insieme, oltre a commenti dalla moralità molto discutibile...non si diano informazioni ben più importanti "della fontana" che da giorni appare nel suo splendore..."deviante"...
    si, meglio "dirottare" l'interesse su altri argomenti che informare su cosa sta accadendo (per esempio!!) al nostro ospedale...
    cosa aspettano i nostri esimi amministratori ad allertare la gente, il sindaco ha ricevuto comunicazioni in merito perchè le circolari arrivate in ospedale sono indirizzate anche a lui, pensate un po' è il primo della lunga lista di delle istituzioni informate...(?????)però solo su questo blog vedo pubblicare informazione in merito...
    poi ho letto uno sproloquio sul bene e sul male!!!!mahh
    è il caso che questa amministrazione cominci a perlare di cose serie poi può fare tutti i festeggiamenti che vuole...( ci sarebbe stato molto poco da festeggiare)
    ed è giunto il momento a doversi prendere le responsabilità delle proprie azioni
    lo trovo un atteggiamento policamente scorretto far passare i propri errori attribuendo anche ad altri la responsabilità...
    furbo -MAL COMUNE MEZZO GAUDIO-

    questo commento l'ho prima inviato al blog di magliano insieme, è stato censurato...che squallore!!!

    RispondiElimina
  4. Lo squallore non e' altro che lo squallido modo di fare di chi lo gestisce che ora gestisce anche l nostro paese.

    RispondiElimina
  5. FORSE VOLEVI DIRE SQUALLIDO PERSONAGGIO, SAREBBE PIU' APPROPRIATO.

    RispondiElimina
  6. NON SE TROVANO NEANCHE PIU IN PIAZZA QUATTRO COMPAGNI PER FASSE NA PARTITA.MA DOVE SO FINITI???????

    RispondiElimina
  7. No, in ritiro a Camaldoli in Casentino..

    RispondiElimina
  8. Anonimo ha detto...
    NON SE TROVANO NEANCHE PIU IN PIAZZA QUATTRO COMPAGNI PER FASSE NA PARTITA.MA DOVE SO FINITI???????

    Il 18 novembre 1978,, 912 persone, seguaci della congregazione religiosa del «Tempio del Popolo», si suicidarono in massa nella loro comune di Jonestown, nella giungla della Guyana, bevendo un cocktail al cianuro, secondo gli ordini del loro capo, il reverendo Jim Jones.

    RispondiElimina
  9. Tranquilli i compagni stanno a lavorare anche per te.in piazza trovi solo 4 somari ad abbeverarsi alla fontana.

    RispondiElimina
  10. Che finaccia hanno fatto sti quattro compagni!!!!!

    RispondiElimina
  11. Forse non tutti sanno che il marito della nostra cara presidentessa Renata Polverini , artefice della chiusura del nostro ospedale , occupa da anni senza requisiti di reddito ( che da poco ha acquistato due appartamenti al centro di Roma) una casa popolare del comune pagando un affitto irrisorio ed è oggetto di tre sfratti esecutivi che puntualmente ignora. Complimente presedente per il buon esempio che dai!!!!! VERGOGNA

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione