lunedì 14 marzo 2011

I video dell'assemblea di venerdi 11 marzo







10 commenti:

  1. pensate si è dimenticato di nominare l'UDC come partito politico che è nell'amministrazione,da questo si vede quanto puo contare per il sindaco e per quei 4 bugiardi l'UDC..........Vice sindaco si faccia sentire non rida sempre,perchè quei signori la stanno manipolando a loro piacimento,presto avrete le stesse colpe che avranno loro,i maglianesi non dimenticano.

    RispondiElimina
  2. Questa volta non ci sono firme e devo pertanto ricondurlo ad una nota della redazione, a meno che l'omissione della firma non sia appositamente voluta dalla o dallo estensore dell'articolo.
    Si tratta ancora una volta del "Corriere di Rieti" e infatti l'articolo inizia così:

    "I malesseri del territorio di Magliano e di alcuni suoi amministratori suscitano la reazione del presidente della Provincia, Fabio Melilli che, chiamato in causa in più occasioni, mette un punto a quanto in corso".

    Quale la mia nota dolente? vi trascrivo lo stesso periodo con qualche modifica e lascio alla vostra interpretazione la "magagna"....

    I malesseri DEGLI AMMINISTRATORI del comune di Magliano e di ALCUNI SUOI ABITANTI del territorio suscitano la reazione del presidente della Provincia, Fabio Melilli che, chiamato in causa in più occasioni, mette un punto a quanto in corso.

    Ecco amici, non vi sembra sia molto più appropriato il secondo e non il primo?
    Non vorrei sia sempre la medesima persona a porre le sue medesime personali opinioni su dichiarazioni che andrebbero riportate tout cour.

    RispondiElimina
  3. Caro Carlo, per una volta le tue deduzioni sono azzeccate...si tratta di una nota di redazione. Purtroppo per te sono ritornata solo sabato sera dalla settimana bianca.
    Cavolo! Come non hai notato la mia faccia distesa e abbronzata. Al contrario la tua era piuttosto seriosa...e su via Carlo, fammelo un sorriso e smettila di prendere tutto sul personale. E già che ci sei, quando mi attacchi, nomina pure il mio nome e cognome, io esisto, sono un'identità e come tale penso e scrivo quello che penso. Mi spiace se non lo condividi il più delle volte, ma IO, quando lo faccio ci metto la faccia, nome e cognome....

    Un affettuoso saluto
    Sara Pandolfi

    RispondiElimina
  4. la frase tra le tante più dilettevole
    purtroppo è stata tagliata, proprio alla fine, quando il sindaco tra i tanti ammirevoli commenti di smisurata educazione, dice, "non l'hai detto ma l'hai lasciato intendere"....
    credo di essere stata chiara ed attenta a non sottacere nulla, eppure con sempre "smisurato garbo" si è cercato di mettere in bocca parole non dette, come non mi sembra di aver detto che questa amministrazione è del PDL, chissà perchè qualcuno si è così "piccato"??? la domanda era "da chi vi state facendo rappresentare, da chi CI state facendo rappresentare??" EVIDENTEMENTE NON E' LECITO CHIEDERE, se lo si fa poi bisogna essere pronti a ricevere ingiurie ed offese personali, si è arrivati a sostenere di aver fatto "affronti" personali(!!!????) quando l'unico affronto che è emerso in questa "assemblea pubblica" è stato un AFFRONTO ALLA DEMOCRAZIA...
    e non vado oltre, non potrei dar definizione ai mezzi oltraggiosi utilizzati successivamente per cercare di ferire chi per congettura di costoro non può esprimere la propria opinione...

    RispondiElimina
  5. scusate,sopra, ovviamente mi riferisco al mio intervento...

    RispondiElimina
  6. Tu non immagini neanche quanto io ti voglia bene, non solo a te certamente, ma tutti quelli molto più giovani di me perché dimentichi che ho anch'io una figlia femmina di soli 28 anni.
    Non ero serioso ma distratto e forse sorpreso, si, perché non ti ho riconosciuta immediatamente causa forse la tua abbronzatura ed anche un poco dimagrita.
    Non sono attacchi sara, sono il rispetto per le tue opinioni che a volte non coincidono con le mie ed io non faccio altro che rilevarne la negatività; poi a stabilire quali delle due si avvicinino più alla realtà, saranno gli altri a decidere.
    Attento a non sbilanciarti eccessivamente Sara, lo dico perché ho poca più esperienza di te; mettere la faccia per far piacere ad un potere che in quel momento lo detiene è troppo facile e poco coraggioso; più complicato infatti è esprimere realmente e coerentemente ciò che si pensa.
    Ma questo se lo possono permettere in pochi in questo Paese e paese.
    Contento che ti sei divertita perché la montagna con la neve e gli sci l'amo da morire e appunto, da molti anni per non morire non posso più andare.
    Questo si che te lo invidio.
    carlo.

    RispondiElimina
  7. Carlo, in primis mi spiace davvero tanto per le tue condizioni di salute che non ti permettono più di sciare, e lungi da me dal voler essere invidiata, era solo per ironizzare e ricordarti l'occasione in cui ci siamo incontrati. In quel momento un'altra persona stava svolgendo il mio lavoro e il fatto strano è che tu, nelle due righe di cappello alle dichiarazioni di Melilli fatte da un collega hai trovato ancora una volta un commento di parte. Vedi, la persona che le ha scritte, che gode di tutta la mia stima e fiducia, e che se vorrà troverà il modo per rispondere alle tue osservazioni, è molto più vicino a quelli che sono i principi del gruppo di cui fai parte piuttosto che a quelli dell'amministrazione. La riflessione che quindi ti invito a fare è questa: sarà mai possibile che tu leggi i miei articoli con su indosso un paio di occhiali con lenti di un "colore" che tu hai deciso di attribuirmi? Troppe poche volte abbiamo parlato, troppo poco mi conosci e se un leggero colorito del viso bastano a farti non riconoscere una persona, bè allora, dal basso della mia seppur poca esperienza, mi sento di tornare a chiederti di toglierti quegli occhiali e iniziare a guardare la realtà, quella vera e non quella che hai disegnato nella tua testa. Solo così, senza preconcetti e pregiudizi potrai cominciare a esprimere pareri sul mio lavoro per il quale quotidianamente mi impegno.

    Saluti
    S.

    RispondiElimina
  8. Dalla mia parte? Tu sai da quale parte sono?
    Anche questa una tua opinione Sara.
    Guarda ti aiuto, hai presente un poliedro? di colore rosso però; ecco, se riesci giornalmente ad individuare di quale tonalità di rosso è colorata una determinata faccia del solido ti premio.
    Non leggo i tuoi articoli in maniera preconcetta, no ti sbagli e anzi, magari li leggessero tutti con attenzione come faccio io, ed è forse per questo che mi dovresti apprezzare non credi?
    Non mi limito mai a leggere il titolo di un articolo e uno che è stato abituato a leggere i corsivi di Maurizio Melloni (fortebraccio), non può fare altrimenti a non rilevare qualche "magagna"; ma le tue sono di gioventù e certe critiche ti aiutano a fare esperienza.
    Almeno su questo dammi ragione.
    carlo.

    RispondiElimina
  9. Adoro le critiche e il confronto soprattutto con le persone poliedriche. La prossima volta allora, oltre a salutarti di sfuggita, mi fermo a fare due chiacchiere. Magari, se hai voglia...

    A presto
    S.

    RispondiElimina
  10. Eih attenzione, non vorrei apparire più di ciò che sono, tu hai studiato, penso, scienze politiche e giornalismo, io sono un semplice lettore, attento, ma pur sempre un lettore di giornali.

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione