sabato 5 marzo 2011

Referendum - Ma che figura ci facciamo?

UMBRIA: PRECISAZIONI GIUNTA SU REFERENDUM COMUNE MAGLIANO SABINA

(agenzia umbria notizie) - Perugia, 5 mar. 011 - In riferimento alle notizie apparse sulla stampa locale relative all'autorizzazione allo svolgimento del referendum nel Comune di Magliano Sabina per la consultazione popolare circa l'ipotesi di passaggio del Comune dalla regione Lazio all'Umbria, la Presidenza della Giunta regionale dell'Umbria precisa che tale questione è di esclusiva competenza del Comune di Magliano Sabina e della Regione Lazio.
Si precisa, inoltre, che non è in programma alcun incontro tra il Sindaco del Comune di Magliano Sabina e la Presidente della Regione Umbria, né con alcun membro della Giunta regionale dell'Umbria.

16 commenti:

  1. no!!!!!!!!!!non ce se po crede....questi so malati psichiatrici pericolosi per tutta la comunità maglianese...per favore chi lo può fare li fermi.

    RispondiElimina
  2. incredibile cioè siamo smentiti dalla presidente dell'umbria. siamo caduti in basso

    RispondiElimina
  3. mi vergogno di dire che il sindaco di magliano è graziani,ancora una volta ha detto delle bugie.aiuto mandiamolo in umbria insieme al cicignanese !!

    RispondiElimina
  4. adesso vediamo che si inventano per smentire la regione umbria. ma sarà vero che sarà andato dalla polverini????????? graziani bugiardo!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Non voglio cambià regione, voglio cambià paese!!!!

    RispondiElimina
  6. Scusate ma il presidente della Regione Umbria ha sbuguardato in maniera ufficiale mettendolo per iscritto l'assessore megagalattico e lui parla del sito internet e della fontana? Ma dove viviamo? Un consiglio: presentate una mozioen di sfiducia verso l'assessore e fate una campagna porta a porta facendo venire la gente al consiglio. Vediamo se davanti alla gente ha ancora il coraggio di fare il galletto! Ci sta facendo vergognare. Una figura del genere non si era mai fatta. Si deve dimettere.

    RispondiElimina
  7. Capite adesso perché il giorno della manifestazione a Rieti il sindaco non è salito agli incontri istituzionali? Perché era l’unica volta che ci sarebbero stati dei testimoni per smentire le sue balle! Un grazie alla governatrice dell’Umbria. Abbiamo avuto bisogno di lei per renderci conto da che razza di bugiardi siamo amministrati.

    RispondiElimina
  8. non è possibile ......hanno perso la bussola!!!!!come si fa a tirare in ballo un'istituzione e inventarsi tutto,pur di non dire :" abbiamo sbagliato tutto".Invocare le dimissioni di quello o di quell'altro non ci fa piu ritrovare la dignità e l'orgoglio di essere maglianesi,ci hanno distrutto moralmente, BRAVI......ne anche Lini era riuscito a tanto!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. No, non hanno limiti, per favore qualcuno li butti giù dal palco o quantomeno qualcuno dei dodici incominci seriamente a prenderne le distanze.
    Ma vi rendete conto cari Tosti, Berni, Ricci, Pagliani M, Teodori, Di Giamberardino; dott. Gatti; dove vi stanno trascinando questi?
    Dove stanno trascinando i cittadini maglianesi?
    Notato a chi avete dato il voto due anni fa miei carissimi concittadini?
    In secoli di storia di questo nostro paese, mai si ricordano di simili episodi, di due pazzi ambiziosi auto elettosi amministratori di questo comune che stanno portando Magliano sulle cronache di due regioni facendo passare i suoi abitanti per emeriti imbecilli? e si! perché se 1600 persone hanno dato fiducia a questi mediocri soggetti, si immagini cosa siano tutti i restanti.
    Certo, 1600 persone non sono la maggioranza, vi sono quelli che rappresentano la minoranza, vi sono gli astenuti, le schede bianche e quelle nulle e questi non potrebbero mai essere annoverati tra coloro che hanno sostenuto alcuni degli attuali amministratori.
    Poi fortunatamente ci sono centinaia e centinaia di coloro li hanno votati che si sono pentiti, sta di fatto che sono li al loro posto e fino a che una parvenza di intelligenza gli suggerisca di dimettersi, ne dovremmo subire le conseguenze.
    La smentita della presidenza della Regione Umbria dovrebbe indurre alla fuga il sindaco e l'assessore, se non lo faranno, per favore UDC, per favore SDI, venitevene via al più presto e lasciateli soli nel loro delirio.

    RispondiElimina
  10. Ma che c'hai le visioni5 marzo 2011 21:05

    SDI ???????????????

    RispondiElimina
  11. Visioni? no, non ci sono anche rappresentanti di socialisti in giunta?

    RispondiElimina
  12. “Ho un ultimo incontro col presidente della Regione Umbria ma vedo che l'atteggiamento bipartisan contro questo referendum si è esteso dal Lazio in Umbria



    queste parole bastano a chiarire chi sia "il signor" sindaco.

    .......P O N O C C H I O........

    RispondiElimina
  13. Chi troppo in alto sale cade sovente, precipitevolissimevolmente.
    E questo il botto lo ha fatto davvero grosso.
    Che schifo madonna mia!

    RispondiElimina
  14. quella di prima (21.05)6 marzo 2011 18:53

    Sig. Gasperini, mi scuso per le "visioni" ma io volevo far risaltare che in giunta, se c'erano veri socialisti, le cose sarebbero andate diversamente.

    RispondiElimina
  15. sicuramente se erano veri socialisti come dichiarano,avrebbero tirato fuori gli attributi , non avrebbero dato fuori di testa con delle stupidagini.(questi socialisti hanno fatto ridere tutti)

    RispondiElimina
  16. Sono pienamente d'accordo con te, ed è la dimostrazione palese che un partito non può essere rappresentato soltanto da due, tre persone; ma se anche ipoteticamente fosse, non si potrebbe applicare una politica contro soltanto perché prevale il gruppo di amici che hanno in antipatia questo o quel personaggio rappresentante quel determinato partito.
    La politica dovrebbe essere una cosa seria, fatta sopratutto per migliorare non solo i rapporti tra la gente, ma l'economia, l'assistenza, il lavoro; quei collanti cioè che occorrono affinché in una società, anche se piccola, tengano uniti i suoi membri.
    Non si può ingannare la gente attentando alla sua buona fede, non la si può ingannare con la costruzione di un effimero monumento che getta zampilli di acqua; non siamo mica primati abitanti della giungla! A noi mica servono collanine colorate, spille e specchietti vari per acquistare la nostra simpatia!
    Non sarebbe riduttivo tutto ciò, ma semplicemente offensivo.
    carlo gasperini.

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione