sabato 16 aprile 2011

Chi è il vero nemico del Marzio Marini?


Chi è Rodolfo Gianani?
Ce lo siamo detto mille volte: Gianani è un esecutore.
Ieri pomeriggio all'incontro tra i rappresentanti sindacali e i dipendenti del Marzio Marini c'era anche il sindaco Alfredo Graziani che ha di fatto aggiornato tutti sulle ultime legate al destino dell'ospedale. In evidenza l'incontro di giovedi mattina con il DG Gianani a Rieti, per cercare di dare seguito a quanto approvato all'unanimità nel consiglio comunale di mercoledi, ovvero la proposta del gruppo di Rinnovamento Democratico di sospendere la mobilità del personale sanitario e infermieristico.
Come c'era da aspettarsi Gianani è rimasto fermo sulle sue posizioni, un muro invalicabile e un atteggiamento irriverente nei confronti di un'istituzione pubblica come quella di un sindaco, rappresentante di una comunità intera.
Ma lo sappiamo, Gianani, il manager, scelto dalla Polverini per l'AUSL di Rieti e sponsorizzato da Antonio Cicchetti (PDL), il nemico dell' "ospedaluccio sotto casa" e primo referente di questa amministrazione, è pagato per il lavoro che sta puntualmente seguendo.
Un lavoro fatto di tagli, di risparmio ad ogni costo, senza tener conto delle esigenze di un territorio, un lavoro che impone la chiusura del Marzio Marini; un manager che sta svolgendo fin troppo bene il proprio dovere.
Ma Gianani, lo ripetiamo, è un esecutore.
Il sindaco ha riportato parte del colloquio telefonico avuto anche con i due tecnici della Regione nel pomeriggio di giovedi, dopo l'incontro con Gianani, in cui viene precisato come la trattativa con il Ministero dell'Economia per i 24 ospedali colpiti dal decreto 80 si dilungherà ancora qualche giorno, prima di poter vedere la fine di questa storia infinita e avere la sentenza definitiva per il Marini. In più sembrerebbe che siano stati gli stessi tecnici ad affermare come al DG Gianani siano state fatte pressioni telefoniche affinchè rallentasse la sua azione, ma non esistendo documento ufficiale firmato dalla presidente Polverini, il manager, pagato profumatamente per svolgere il lavoro ordinatogli, va avanti da infallibile esecutore.

Possibile che chi ha il potere per arrestare la sua azione non sia in grado di firmare un pezzo di carta e imporre al manager l'arresto della mobilità?
Un interrogativo che anche lo stesso Ciccomartino (CGIL) ha espresso a Graziani, invece intenzionato a voler isolare Gianani rispetto alla politica che lo ha nominato, come se la colpa fosse esclusivamente del DG AUSL.
Passateci l'esempio: è come andare dal meccanico, portare la propria macchina rotta, e pagare questo affinchè la ripari entro lunedi della prossima settimana, perchè a noi serve per andare a lavoro. Il professionista esegue, perchè pagato per questo, l'ordine. Saremo noi eventualmente a procrastinare il lavoro del meccanico.

Dunque non sarebbe più sensato spingere affinchè sia di nuovo la politica che lo ha nominato ad imporgli con un documento ufficiale la sospensione della mobilità, piuttosto che fare del Gianani manager il capro espiatorio delle colpe della Polverini?
Quanto interessa a quella stessa parte della politica questo territorio e le sorti del Marini?

Ecco queste sono le vere domande che dobbiamo porci.
E se in altri territori della regione Lazio, gli altri DG AUSL non hanno portato a termine il loro compito, è perchè in molti di questi territori a metà maggio ci saranno di nuovo le elezioni.
Come pensate che potrebbe reagire la popolazione all'interno delle urne se qualche settimana prima del voto il centrodestra chiudesse gli altri "ospedalucci sotto casa"?
Voi come reagireste?

23 commenti:

  1. "che centra il PDL con NOI"16 aprile 2011 11:38

    l'uomo impenetrabile...un'altra favola!! questa amministrazione ancora crede che i politici reatini abbiano l'interesse per magliano... o questo è quello che vuol far credere? con sconcerto ieri ho provato quando ho sentito dire dal sindaco che questi politici stanno avendo problemi con il DG Gianani...non è una frase detta tanto per dire... ma veramente il sindaco pensa che chi lo ascolta (ancora) ha l'orecchino al naso! perchè deve per forza difendere questi noti politici??? far finta ancora di non essere schierato??? ma basta vieni fuori... schernire quello che tu ritieni l'avversario non ha sortito l'effetto che immaginavi, pensavi che le persone con l'insulto si sarebbero allontanate dallo scenario civico (non politico come tu l'hai voluto definire per sminuire l'azione di protesta) hai ottenuto invece il modificarsi di molto l'opinione che le persone avevano di te e non solo...

    RispondiElimina
  2. osservatore romano16 aprile 2011 11:48

    il vero problema invece è il fatto che questo sindaco con la scusa dell'essere lista civica ha cavalcato l'onda del malcontento della gente verso la politica. non è un caso se la gente non crede più in essa. se nemmeno chi fa politica, e un sindaco qualunque esso sia logicamente ne fa, trasmette l'interesse per la politica ai cittadini allora non ha intenzione dicostruire un bel niente è invece una sanguisuga. con questa sceneggiata infatti sono tutti più lontani dai problemi. fateci caso è solo alfredo che sta combattendo, è solo alfredo il poveretto che è stanco e non ce la fa più. tutto il resto sparito, sia i suoi collaboratori, sia tutti gli altri partiti. e questo lo dobbiamo a un personaggio ambiguo, che è troppo attento a salvare la sua faccia senza accorgersi che magliano si sta sbriciolando e tra meno di 3 anni quando passerà il testimone, chiunque verrà troverà solo macerie

    RispondiElimina
  3. stiamo ancora rincorrendo graziani?
    a forza di dare retta a quello che ci racconta siamo gli unici che chiediamo uno sciopero all'ospedale dopo che hanno pure cambiato le insegne. famo ride!

    RispondiElimina
  4. Dite a Ciccomartini di fala scrivere alla Camusso una lettera e vi farete delle ricche risate. Un sindacato che si accorge dei problemi dei dipendentei solo perchè invitato a farlo da Comune!!!! Fate ride!!!! Ma invece di fare politica il sindacato non dovrebbe fare gli interessi dei lavoratori? Non pagategli le tessere e vedrete come cambiano sti sciacalli.

    RispondiElimina
  5. Ora non ho più voglia di incazzarmi a vuoto, lo facciano altri, fatelo voi al mio posto poiché noto che finalmente molti di voi hanno capito che quello che vado dicendo dall'inizio di questa vicenda finalmente se ne sono accorti.
    Non voglio assolutamente rivendicare primati, l'importante che si sia capito e a malincuore devo dire, troppo tardi.
    Adesso serve unità per mandare a casa questi scellerati e più presto lo si farà, meno danni essi procureranno.
    Carlo

    RispondiElimina
  6. Che si dimettano i fallimentari che hanno portato magliano al fallimento
    vergogna!!!

    RispondiElimina
  7. Chi vive speranno more cacanno!!!!!

    RispondiElimina
  8. anche stavolta il pistolotto me lo sono letto 32 volte! E le cazzate non mancano nemmeno stavolta. Ma lui è il guru. Poi se ci spiega perché a Leonessa che ha la metà dei votanti di Magliano il referendum costò 27 mila euro mentre qui, secondo lui, dovrebbe costare 10mila gliene saremo grati. Almeno ci illumina.
    Kafir

    RispondiElimina
  9. Ah dimenticavo. Ovviamente lui dice di parlarne seriamente. Se lo dice lui...
    A presto
    Kafir

    RispondiElimina
  10. O !!! kafir ci mancaviiiiiiiogni tanto ti si accende il cervello!

    RispondiElimina
  11. Eliminatelo! E' sempre il solito tarlo in crisi di astinenza.
    Pussavia! sciò sciò.

    RispondiElimina
  12. Kafir.ci mancavano le tue esternazioni.......torna presto.
    SEI SEMPRE IL PIU GRANDE!!!!

    RispondiElimina
  13. Kafir.ci mancavano le tue esternazioni.......torna presto.
    SEI SEMPRE IL PIU GRANDE!!!!

    RispondiElimina
  14. Vorrei vederci un pochino più chiaro dopo questi fatti avvenuti in tempi pregressi presso l’ASL di Vibo Valentia..

    ...Di più: gli allora responsabili della Asl, Michelangelo Lupoi e

    RODOLFO GIANANI,

    assicurarono nel 1999 al vostro cronista che di ospedali nuovi ne avevano in mente due: uno a Nicotera (a 40 chilometri di tornanti dall'autostrada) per farne «un "Gaslini" del Sud ed evitare i viaggi della speranza al Nord» e uno appunto a Vibo per un totale di cento miliardi di lire: «Anche noi come a Padova abbiamo previsto di metterci un anno e mezzo a costruirlo!», spiegava l'uno. «Un anno e mezzo!»,
    Un decennio dopo, non è stata ancora posata la prima pietra. E non sono stati ancora chiuse le decrepite strutture ospedaliere di Vibo e Nicotera più quelle (un po’ di ricoveri, un po’ di day hospital, un po’ di ambulatori) di Soriano, Tropea, Serra San Bruno e Pizzo Calabro. Dove svetta immortale l’opera incompiuta più incompiuta del pianeta: un ospedale iniziato nel ’49 (l’anno del debutto a teatro del Quartetto Cetra) e mai aperto nonostante i premurosi amministratori avessero già comprato centinaia di scarpe per le infermiere da assumere. Scarpe col tacco alto, da spogliarellista.
    Gian Antonio Stella corriere della sera (http://www.corriere.it/cronache/08_gennaio_14/stella_inchiesta_ospedali_vivo_dd0b1f12-c268-11dc-ab8f-0003ba99c667.shtml)

    RispondiElimina
  15. FORNITURE DI BENI E SERVIZI
    1)
    Appalto concorso per l'aggiudicazione del servizio di
    ristorazione ai degenti
    ricoverati nella casa di cura per anziani di Vibo Valentia,
    nei quattro Presidi Ospedalieri
    e dei dipendenti della
    stessa.
    Tale servizio, affidato con delibera del D.G. n. 1192 del
    04.06.1998 per la durata di sei anni, successivamente prorogato con
    disposizione del D.G. n. 423 del 21.07.2005 fino al 31.03.2007, è
    effettuato dall'Associazione Temporanea di Imprese composta dalla
    ONAMA Spa
    (Organizzazione Nazionale Appalti Mense e Alberghi), con sede in
    Milano... e dalla R.C.C. Srl di
    Cosentino Giuseppe, con sede in S.Nicola da Crissa (VV).
    ...
    Con
    delibera del D.G. n. 2345 del 03.12.1997 venivano approvati il
    capitolato speciale d'appalto e la lettera di invito e nominata la
    Commissione aggiudicatrice nelle persone di:
    - MARCHESE
    Maurizio (Direttore
    Amministrativo) - Presidente;
    - PETROLO Giuseppe
    (Dirigente Servizio Economato e
    Ragioneria) - componente;
    - GIANANI RODOLFO (Direttore
    Sanitario) - componente;
    - SURACI Francesco
    (Medico) - componente;
    - MAZZITELLI Annunciato
    (Medico) - componente;
    Casa della Legalita' e della Cultura - Onlus
    http://www.casadellalegalita.org Realizzata con Joomla! Generata: 16 April, 2011, 22:17
    - ALTAMONTE Giuseppe
    Segretario.
    In merito a tali
    componenti si evidenzia che all'epoca dell'appalto dalla banca dati
    S.D.I. Emerge che MARCHESE Maurizio risulta
    essere segnalato per il reato contro la Pubblica Amministrazione nel
    corso del 1994. Successivamente è stato coinvolto a far data dal
    2003 al 2006, in altre vicende giudiziarie per reati di abuso di
    ufficio, occultamento di atti veri, turbata libertà degli incanti,
    corruzione, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni
    pubbliche e frode nelle pubbliche forniture.
    ...
    Dalla delibera
    D.G. n. 1192 del 04.06.1998 di aggiudicazione dell'appalto si rileva
    che:
    ...
    -
    l'appalto viene aggiudicato alla ONAMA Spa in ATI con la
    R.C.C. Srl in quanto hanno
    presentato la migliore offerta dal punto di vista tecnico ed
    economico;
    - veniva autorizzato il solo sub-appalto relativo ai
    lavori di ristrutturazione edile ed impiantistica alle ditte
    individuate dall'impresa aggiudicataria;
    - l'affidamento del
    servizio avrebbe avuto la durata di anni sei e che l'importo
    complessivo presunto per farvi fronte ammontava a £. 20.211.948.000
    oltre IVA al 20% - cifra offerta dalla Ditta ONEMA in data
    26-3-98...
    - per l'effetto dell'utilizzo del personale ASL (10
    unità) le somme relative al servizio di ristorazione venivano
    decurtate di tale importo e quantificate come segue: £
    13.810.140.000 oltre IVA di cui £. 2.573.250.000 per servizio mensa
    dipendenti;
    ...
    Dagli elaborati predisposti dalla Commissione
    aggiudicatrice si rileva che il punteggio per la caratteristiche
    tecniche, qualitative e sanitarie attribuito alla SIARC
    (26) era superiore a quello attributo all'ATI ONAMA/RCC
    (19), mentre risultava più
    vantaggiosa la sola offerta economica dell'ATI ONAMA/RCC
    (punteggio 79) rispetto alla SIARC Srl (punteggio
    65).
    Inoltre dal prospetto di comparazione delle offerte
    economiche non si rileva da dove siano stati rilevati i prezzi
    offerti per la giornata alimentare degenti e per il pasto della mensa
    posto che differiscono da quelli indicati nelle relative offerte
    mentre coincidono solo gli importi riferiti al prezzo per il periodo
    provvisorio…..

    Scarica il formato PDF da questo link:
    http://www.casadellalegalita.org/index2.php?option=com_content&do_pdf=1&id=7682

    RispondiElimina
  16. Il post dice:CHI E'IL VERO NEMICO DEL MARZIO MARINI?

    personalmente credo che il responsabile sia solo il sindaco.Spiego perchè:ha voluto seguire una politica che ha tenuto fuori i cittadini,ha fatto tutto quello che ha fatto sempre in ritardo sui tempi,ha voluto per mesi dare fiducia alla polverini,quando si è mosso il comitato"salviamo il marini" si è sempre tenuto fuori per paura di urtare la sensibilità della Governatrice,non ha mai informato realmente cosa chiedeva lui e cosa offriva lei,tutte le notizie si sono sapute per mezzo stampa,ha voluto essere sempre da solo.......
    Vi sembra che abbia agito per gli interessi dei maglianesi ?

    ho i miei dubbi!!!!!

    RispondiElimina
  17. il post dice:CHI E'IL VERO NEMICO DEL MARZIO MARINI?
    POLVERINI,CICCHETTI,GIANANI,GRAZIANI,DI GIAMBERDINO,E PER FINIRE IL MITICO,
    FANTASTICO, FAVOLEGGIATO,EPICO,EROICO

    TREPIEDE
    (c'entra anche lui a prescindere)

    RispondiElimina
  18. malox hai dimenticato i tesserati del PDl di questa amministrazione, quindi rimarrebbero fuori,credo sia così, 2/3 persone di questa maggioranza che a mio avviso non sono mai stati in sintonia con tali scelte...ma ciò non toglie che anche questi facciano parte di questa lista che tutto è tranne che civica!!

    RispondiElimina
  19. malox hai dimenticato i tesserati del PDl di questa amministrazione, quindi rimarrebbero fuori,credo sia così, 2/3 persone di questa maggioranza che a mio avviso non sono mai stati in sintonia con tali scelte...ma ciò non toglie che anche questi facciano parte di questa lista che tutto è tranne che civica!!

    RispondiElimina
  20. siamo alla frutta17 aprile 2011 16:06

    CIVICA?..........di civico anno solo il numero sul portone di casa e BASTA!!

    RispondiElimina
  21. Si incontrano giornalmente e silenziosamente davanti al loro bar "Montecitorio", sparuti, coi familiari, col codazzo, con le oche, lo sguardo vuoto, vagano, guardano chi c'è in piazza, controllano la vuota fontanella, cercano di parlare con qualcuno, ridono, parlottano, sorseggiano, nervosi, entrano e escono dal bar, dal comune, ti guardano male, sempre insieme e solo tra loro, e........e non fanno altro tutto il giorno, mentre Magliano muore!

    RispondiElimina
  22. prendiamoci un calmante17 aprile 2011 17:12

    DEL resto anche la fontanella è vuota che cosa vogliamo pretendere da queste menti nulla il vuoto sempre peggio è una situazione davvero drammatica che tristezzaaaaaaa

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione