sabato 21 maggio 2011

Ancora arsenico nell'acqua, ma in quanti lo sanno?


Clicca sull'immagine e leggi l'articolo di oggi

13 commenti:

  1. Il problema dell'arsenico a magliano è veramente un rompicapo, ma quale è
    la verità?
    Chi dice che il dearsenificatore non ha mai funzionato,chi dice che non ci sono soldi per pagare la bolletta,
    chi dice che è stato sabotato,chi dice che a volte funziona a volte no,chi dice dalla sorgente non c'è piu' l'arsenico(sin sala bin). Il rebus dell'arsenico a magliano sarà sempre un problema, forse i figli dei nostri figli sui libri di storia leggeranno la verità.
    Amministratori è cosi difficile spiegare al Popolo Sovrano la realtà dei fatti?
    Grazie.

    RispondiElimina
  2. Documenti segretati.......
    Trasparenza 1 e Trasparenza 2, nei manifesti affissi dagli ambientalisti, più volte sono stati chiesti dettagli sull'argomento, ma dalla maggioranza e dalla minoranza tutto tace, a noi i documenti non ce li danno, ma la minoranza che fà ?

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Siamo diventati un popolo di infingardi, infingardo tradotto alla majanese vuol dire svojato, nulla a che vedere con i nostri antichi progenitori, essi si pazienti e tolleranti, ma poi quanno ce voleva ce voleva!!
    Abbiamo visto e stiamo assistendo allo spogliamento dell'ospedale, assistendo senza sapere intervenire in maniera "adeguata"; eppure ci stanno portando via il pane da sotto la bocca! ci stanno portando via la possibilità di curarsi in maniera adeguata e invece ci lasceremo morire.
    Che differenza farebbe morire per un mancato ed inadeguato soccorso, o morire per difendere il nostro diritto alla salute?
    Ma questi interrogativi riusciamo almeno a porceli? se si, perché non facciamo nulla per fermare quelle scellerate mani della arpia Polverini? Più volte ho suggerito cosa si dovrebbe fare, azioni eclatanti, perché giunti a questo punto si tratta di vita o di morte, di vita e di morte sia economica, sia come evento nefasto.
    Ho detto più volte che porrei a disposizione la mia persona, insieme ad altre beninteso, ma con una precisa strategia, con una adeguata base logistica e non allo sbaraglio.
    La stessa cosa vale per l'acqua e questa amministrazione comunale; l'una la beviamo, ci cuciniamo, sappiamo che contiene un veleno, conosciamo l'incidenza di alcuni tumori sulla popolazione maglianese dovuta a questa sostanza; l'altra la subiamo nonostante in due soli anni hanno portato questo comune alla rovina.
    Tutti però come si avesse la "panza" piena; tutti a sbraitare ma nessuno che si faccia avanti; se critichi e denunci come hanno fatto i "verdi", essi sono dei delinquenti che denigrano Magliano, io sono un soggetto che fa la stessa cosa affermando se tale determinata azienda andrebbe migliorata.
    Vediamo cosa hanno fatto questi ciarlatani attuali e sedicenti amministratori. Li avete votati in 1600, vi siete fidati delle chiacchiere, hanno sfruttato la popolarità che i verdi di Magliano avevano contribuito a creare per poi dargli il ben servito buttandoli fuori e oggi ci ritroviamo quello che tutti hanno sotto agli occhi.
    Speriamo almeno la lezione sia servita, ma ne dubito.
    carlo gasperini

    RispondiElimina
  5. Avv. Ricordino22 maggio 2011 15:41

    "DAL CORRIERE DI RIETI"

    Antonello Ruggeri

    Vorrei ricordare che, quando "scandali" ben diversi coinvolsero le alte sfere del partito......

    a parte che prima di fare delle accuse, bisogna avere le prove
    ma te le leggi, come ormai sanno tutti, non le conosci.

    Ma sentir parlare una persona che per ben due volte è stato preso con
    un sorce nella bocca è veramente
    "scandaloso,boccaccesco, immorale, impudico, indecente,"

    RispondiElimina
  6. Avv. Ricordino22 maggio 2011 16:47

    ops tre volte, mancava l'ultima.

    RispondiElimina
  7. spesso la RUSSA maglianese (l'uomo dal lungo naso)riprova ad rialzare la testa. ma se dopo venti anni, che fa chiamiamola, POLITICA rilascia al corriere di Rieti certe interviste, GIURO alle prossime elezioni mi candito per fare il " presidente del consiglio"
    a proposito di consiglio,vai al centro per anziani e fatti una partita a bocce che forse è meglio
    fai meno danni.
    p.s. ti rendi conto quello che hai detto o no!

    RispondiElimina
  8. pro moralizzatori22 maggio 2011 19:43

    DA Magliano insieme
    Qualche parolina per i "moralizzatori" del PD locale.

    Assesso....,gia t' hanno fatto cala 10 kg,se continui sti moralizzatori del PD te fanno tira e cianche!!!!!

    RispondiElimina
  9. non capisco qual'è il motivo di tanto astio,in fondo ma proprio in fondo è un bravo cristo. Un'azione disonesta è certamente utile perché gli porta più benefici che una qualsiasi altra azione onesta, quindi è evidentemente moralmente giusta.

    RispondiElimina
  10. oooo,questo assessore se crede de mette paura a tutti con le dichiarazioni che fa!non ha ancora capito che mette paura solo se si incontra di notte (gli è rimasto solo il naso).

    Certo che il mal di fegato rende proprio brutti !!!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Da un commento fatto su MAGLIANO INSIEME



    Anonimo ha detto...
    E già ora gli sciacalli tentano di mascherare la mancanzaq di idee alzando polveroni inesistenti. Si scordano che per 70 anni si sono mangiato tutto quello c he c'era in questo paese. Si sono preso tutte le case popolari, si sono fatti favori su favori, si sono venduto posti all'ospedale, hanno ridotto questo paese ai minimi termini. Ora gli era rimasto il Partito e stanno distruggendo pure quello dandolo in mano a incompetenti e incapaci privi di ogni idea ma animati dalla cattiveria e dal risentimento. Per fortuna che certi elementi e il contorno li conoscono bene tutti i maglianesi.

    domenica, 22 maggio, 2011

    alzando polveroni inesistenti ...QUALI?
    Si scordano che per 70 anni si sono mangiato tutto quello c he c'era in questo paese. "TU NON CENTRI
    NIENTE MA VA!!!!!"

    si sono fatti favori su favori, "PARLA IL VERGINELLO".

    Ora gli era rimasto il Partito e stanno distruggendo pure quello dandolo in mano a incompetenti e incapaci privi di ogni idea ma animati dalla cattiveria e dal risentimento. Per fortuna che certi elementi e il contorno li conoscono bene tutti i maglianesi.
    "IL GROSSO DRAMMA DI QUESTA NOSTRA COMUNITA' E' CHE IN QUESTA LASSO DI TEMPO CI STAVI TUUUUUUUUUUUUUU!"

    INFATTI TI CONOSCONO BENE TUTTI I MAGLIANESI E NON SOLO.

    RispondiElimina
  12. x quelli di magliano insieme.

    avete taciuto per alcuni mesi, forse avete fatto bene. Come avete parlato la falsità è intrinseca
    nel vostro D.N.A. La gravità che non sapete di cosa state parlando, come giustificare certe situazioni immorali,amorali, degenerati, dissoluti ...?

    RispondiElimina
  13. E' vero si, stanno distruggendo un partito e sono daccordo; un partito vecchio con residui di "cultura" riconducibile a te e tanti altri come te avendo contribuito in maniera determinante a cancellare la vera essensa di questa tradizione maglianese, quella della solidarietà innanzi a tutto, sostituendola negli anni con l'egoismo ed egocentrismo di qualche personaggio che prevalse non per meriti, ma per stanchezza ed abbandono di altri.
    Continuate ragazzi a fare pulizia, è come disincrostare un ferro vecchio dalla ruggine accumulatasi per anni di incuria.
    Il vero siete voi, il finto è questo soggetto che crede possa un giorno rientrare in questo partito e non potendolo fare si rosica l'anima cercando lo scontro e la denigrazione non di me, perché sa che politicamente lo conosco molto bene, ma di voi che vi crede inesperti perché giovani e pertanto deboli.
    Doppiamente stupido perché sa o dovrebbe sapere che nulla si può contro la gioventù, ed una gioventù che sceglie il più grande partito portatore del più alto senso della democrazia, ne esce ulteriormente protetta.
    Un'epoca è finita, "dopo un raccolto ne viene un'altro"...

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione