martedì 31 maggio 2011

Battaglie per l'ospedale: c'è chi le fa e chi le sta a guardare

Clicca sull'immagine per leggere l'articolo di oggi

La battaglia per il Marzio Marini continua. Nonostante un paese sempre più immobile e demoralizzato c'è ancora chi pensa che non tutto debba passare sotto silenzio.
Ieri infatti a scuotere gli animi dei maglianesi ci ha pensato il Comitato Salviamo il Marini che si è fatto protagonista di una civile quanto pacifica protesta nei confronti delle scelte scellerate che stanno ancora una volta penalizzando la nostra struttura. Ad assistere agli slogan alle bandiere e al comunicato informativo consegnato ai cittadini c'erano proprio coloro che hanno spalleggiato le decisioni della governatrice del Lazio in questi lunghi mesi, a partire dal senatore Cicolani per arrivare al consigliere regionale Lidia Nobili, tutti invitati a parlare di federalismo proprio qui, a Magliano Sabina.
Spettatori frastornati, e forse poco convinti dell'azione dimostrativa, gli amministratori locali e gli esponenti Pdl dell'amministrazione Graziani.
Esatto, proprio così. Ci si aspettava forse una presa di posizione maggiore da parte di chi ci amministra nei confronti di tutto lo schieramento di politici che ieri hanno messo piede al Teatro Manlio in occasione del dibattito dell'on. Enrico La Loggia. Ed invece nulla di tutto ciò.

Ci si è invece limitati ai convenevoli che in questi frangenti si riservano all'arrivo delle cariche politiche. Saluti e strette di mano. E così i co-responsabili di questo disastro se la cavano con pacche sulle spalle e poco più.
Domani sarebbe stata la volta del DG Rodolfo Gianani, ma la cancellazione dell'incontro vanifica l'unica opportunità che questa amministrazione comunale si era data per far sentire la propria voce.

Ci chiediamo: non era forse il caso di indire una protesta forte, che coinvolgesse quanta più gente possibile, proprio ieri alla presenza dei protagonisti della chiusura del nostro ospedale e di informare, così come è stato fatto, la cittadinanza degli ultimi importanti cambiamenti che sono in atto al Marini?
Nel frattempo Gianani si ritrova a registrare le prime bacchettate della Polverini per il trasferimento di Oculistica dal Marini al De Lellis. Tutto questo proprio all'indomani della sonora sconfitta inflitta dal centrosinistra e dal Partito Democratico alle forze del centrodestra nazionale. Sarà per questo motivo forse che ora il Pdl reatino, con il fiato sul collo, inizia a non lasciare più nulla al caso. Forse il vento è davvero cambiato anche dalle nostre parti.

17 commenti:

  1. Secondo voi perchè è stato fatto proprio a Magliano?
    E' proprio vero c'è chi fa e chi...

    RispondiElimina
  2. Ancora una volta bugiardi.
    Avete pure informato chi di dovere per riferire al capo di gabinetto della segreteria di La Loggia una presunta "sorpresa" al senatore minacciata dal blog "apriletaurus".
    Chi ha riferito queste panzane?
    Soltanto una mente malata, malata di immaginaria persecuzione come ormai stanno diventando questi peseudo amministratori, o come ebbi modo di definirli qualche tempo fa, "FATTORI E FATTORINI".
    Siete ormai finiti, convincetevi e defilatevi finché siete in tempo.

    RispondiElimina
  3. E' ALLUCINATE VEDERE DAVANTI AL TEATRO MANLIO II "COMITATO SALVIAMO IL MARINI" DIMOSTRARE CON CARTELLI E MANIFESTI CONTRO LA CHIUSURA DEL NOSTRO OSPEDALE,IN MODO CIVILE ED APPURARE LA MANCANZA TOTALE DI TUTTI
    I POLITICI DI CENTRO DESTRA UDC, PDL, FLI SIMPATIZZANTI ISCRITTI COME SE A QUESTE PERSONE NON INTERESSASSE NULLA DELLA CHIUSURA DEL NOSTRO OSPEDALE.E PURE IL NOSTRO NOSOCOMIO E IMPORTATE PER LA SALUTE DI TUTTI.ANCORA UNA VOLTA AVETE DIMOSTRATO QUELLO CHE VERAMENTE SIETE SOLAMENTE "IPOCRITI"


    nicodemo

    RispondiElimina
  4. che cosa ti aspettavi da sto branco
    di asini.

    RispondiElimina
  5. ma se neanche hanno sopportato il fatto che alcuni rappresentanti del comitato hanno letto sul palco il volantino della protesta, bisognava osservare come qualche amministratore della magg freneticmente si aggirava per il teatro non hanno applaudito eh si' perchè ciò che si leggeva non l'hanno scrittone'mai detto loro ecco cosa da' veramente fastidio. però adesso basta con questa ipocrisia la battaglia per l'ospedale doveva essere una causa comune, come più volte sollecitati a fare, ora viene fuori quello che realmente pensano del comitato che al di la' delle ciarle che tanto piace fare loro, devono dimostrare che non si sia mosso per cercare una risoluzione al di la' dei credi politici... non ci sono ormai più parole per definire queste persone totalmente ottuse

    RispondiElimina
  6. No cari concittadini responsabili, non bisogna mollare perché personalmente anche se comincio ad essere stanco, stanco fisicamente si intende, per 50 anni non ho mai mollato, e sono io, siamo noi a dovere deridere coloro che con quel sorriso falsamente ironico sulla bocca, credono che si reciti una parte e non che stiamo testimoniando un grande disagio sociale anche per loro.
    Gente che non ha mai cercato di conquistarsi un diritto, gente che ha ottenuto tutto con il sacrificio di altri, gente che ancora crede che qualcuno si cali dall'alto dei cieli e che risolverà ancora i loro problemi.
    Questa gente si, la vorrei vedere confondersi con la polvere perché nulla merita se non compassione e carità.
    Continuiamo con la nostra sacrosanta lotta per i diritti, contro tutti coloro vorrebbero renderci sudditi di un potere non degno, di un potere non conquistato con la vera democrazia, ma con la manomissione di questa tramite leggi appositamente studiate ed approvate per limitare il vero potere, quello del popolo sovrano.

    RispondiElimina
  7. Bravi voi del comitato ci siete stati sempre davvero fiera di essere vostra concittadina

    RispondiElimina
  8. Un simpatico signore pur di mettere in cattiva luce luce chi si è battuto senza secondi fini in una battaglia comune come quella dell'ospedale se la prende con chi non può difendersi. Era già successo con Emanuela e il povero Tino, succede di nuovo con Antonella e il suo indimenticato papà. Sul blog di Magliano Insieme che ricordiamolo è l'azionista di maggioranza di questa amministrazione espressione diretta del sindaco e dei principali assessori è comparso un vergognoso commento che accusa Donato, senza nominarlo perché i vigliacchi sono tali fino in fondo, di essere responsabile di una chiusura dell'ospedale che è avvenuta oggi nel 2011 quando Donato purtroppo ci ha lasciati da anni. Una chiusura avvenuta per colpa degli amici di questa amministrazione comunale. Donato è stato tra i fondatori del nuovo ospedale, Donato era il presidente della scuola infermieri quando Magliano era il centro della Sabina, Donato è stato un amministratore dal quale molti assessoretti o assessorette pieni di sè dovrebbero prendere esempio (o quantomeno fare quanto ha fatto lui prima di parlare). Queste cose non le dovrei dire io che quando vedevo quel signore con la voce rauca che era presente a tutte le belle iniziative di Magliano ero solo un bambino. Le dovrebbero dire quelle persone vicine a questa amministrazione come Tino che ne è assessore o Ugo, socialisti che sono stati vicini a Donato e che non possono essere che soddisfatti di quello che si fece anche grazie a quel partito. Vedere quel lavoro insultato non si sa da chi in un blog che è espressione del movimento del sindaco non è una cosa che può passare sotto silenzio. Spero, anzi sono sicuro, che i socialisti di questa amministrazione si ribelleranno a questo insulto della loro storia. E non si parli di sbagli. Come molti sanno i commenti su quel blog sono filtrati. Cioè c'è una persona che legge i commenti e decide se è il caso di pubblicarli. Insomma questa persona - che molti sanno chi è (è il segreto di Pulcinella) - tra le tante deleghe che ha come assessore trova il tempo di avallare gli insulti a Donato. Una persona che dovrebbe solo vergognarsi davanti alla differenza tra ciò che ha fatto Donato per Magliano rispetto a quello che ha fatto, ma sarebbe meglio dire non ha fatto, lui per Magliano. Questa persona ovviamente sa chi sono. Il mio telefono ce l'ha visto che fino a qualche tempo fa, per la sua smania di visibilità mi rompeva le scatole tutti i giorni. Mi telefoni, almeno mi tolgo la soddisfazione di dirgli a voce che ha fatto una vigliaccata. Ad Antonella mando un abbraccio. Guarda avanti amica, sorella e compagna.

    RispondiElimina
  9. Oh regà avete visto l'ultima delibera sugli aumenti agli Lsu. Avevamo talmente torto che i tre assessori stavolta si sono astenuti come avrebbero dovuto fare sempre. O, meglio tardi che mai. Comunque distinguamo tra due persone perbene come Mafalda e Fabio dall'assessore megagalattico. Fabio si è reso conto immediatamente, non ha cercato scuse e ha fatto rettificare una delibera. Dice che quell'altro invece ancora va cercando un avvocato che gli dice che quello che hanno fatto è regolare. Se avesse studiato non dico diritto, ma qualche pagina di un libro di educazione civica forse era meglio. Nella provincia non si parla d'altro: del referendum ritirato, degli assessori che si aumentano gli stipendi delle mogli, di un sindaco che si inventa gli incontri con i presidenti di Regione (compresa la Polverini che non ha mai confermato con un comunicato stampa di aver incontrato il sindaco e tantomeno di averlo rassicurato). Tra gli amministratori reatini il nostro sindaco è diventato una macchietta. Gli danno le pacche sulle spalle per compatirlo con tenerezza. Ecco prima di tirare in ballo amministratori che hanno fatto la storia di Magliano dando autorevolezza al nostro centro, pensassero a come stanno riducendo la reputazione di questa comunità. Siamo stufi dei vostri passatempi. Siamo stufi delle vostre panzane. Siamo stufi della vostra volgarità, della vostra arroganza e della vostra ignoranza nel vero senso del termine. La politica è cultura e impegno. Ma è inutile spiegarvelo, tanto non lo capirete. La capirete quando lascerete votare i maglianesi.

    RispondiElimina
  10. Un disperato, dei disperati in cerca di clamore, credendo esso possa in qualche modo portare visibilità e consensi.
    Soltanto menti malate possono pensare cose del genere, quelle cioè di riportare in "vita" persone decedute minandone la credibilità passate inventandosi episodi inesistenti e confondendo le date.
    Adesso farò un paragone forte e chiedo alla redazione di lasciarlo assumendomi di persona tutte le eventuali conseguense:
    E' lo stesso comportamento di un necrofilo, si, NECROFILO, che non potendo usufruire come persone normali di quel sentimento ricambiato che è l'amore per una donna, si viola una tomba e si stupra il suo cadavere.
    Questo è il comportamento di quella ignobile e ripugnante fiera.

    RispondiElimina
  11. uno che c'era e ci sarà1 giugno 2011 10:54

    purtroppo quello che si va denunciando è proprio questo sentimento che gli amministratori non possono nascondere e che si cela nei loro sguardi. disturbo, fastidio, insofferenza, quando della scena non sono i protagonisti, quando a fargli notare il loro disinteresse sono gli stessi elettori che solo due anni fa li avevano votati. qui sta la pochezza di queste persone, prima ancora che politici, che ricorrono l'istante dopo all'insulto personale. si preoccupano del pd, si preoccupano dei comitati "fatti formare spontaneamente" per usare le parole di qualche assessore che si fa bella alla presenza dei sui amici di partito che vengono a magliano a parlare di federalismo, dopo che ci hanno chiuso un ospedale e ci stanno tuttora prendendo in giro. inutile nascondere come dopo appena due anni tutti i limiti e le magagne di questo carrozzone messo in piedi per forza, per la paura di perdere la seconda possibilità, siano spuntate fuori. personalismi e interessi. la scenetta dell'udc isolato l'altro giorno in piazza prima e nel teatro poi era l'istantanea più chiara della situazione attuale. in tutto questo magliano ci rimette e mentre qualcuno si sta spianando la strada del futuro, altri sanno di aver perso la faccia ma stanno ancora li non si sa per quali motivi, altri ancora sono all'ultima possibilità politica della loro vita e da essa ne stanno approfittando per trarne il maggiore vantaggio possibile. nel frattempo magliano muore e con esso le coscienze di tutti noi.

    RispondiElimina
  12. Sei un attento osservatore caro "uno che c'era", anch'io ho visto due componenti di questa che non era una coalizione ma che ben presto lo è diventata, quella dei socialisti, quella dell'udc; gli uni fuori dal teatro, glia ltri dentro ma ben defilati.
    Mi chiedo; ma perché ancora sono li? se ormai si sono resi ben conto della situazione nuova che si è venuta a creare, cosa ci stanno a fare ancora?
    Il Tre P si è ulteriormente sputtanato, al punto da non poter più essere rappresentativo; dei socialisti e degli uddiccini ne ho appena parlato, resta ancora qualche indipendente, si fa per dire, poi tutto il resto, il resto identificabile con la peggiore specie politica esistente non solo a Magliano, quella del cosidetto pdl.
    Se si dimettessero ci eviterebbero ulteriori figuracce di fronte agli altri centri a noi vicini, ulteriore degrado socio economico e ambientale; ci sarebbe si un commissariamento di qualche mese, ma poi si ritornerebbe alle urne e dopo questa drammatica esperienza, per Magliano sarebbe un nuovo rinascimento.

    RispondiElimina
  13. ieri sera avevo risposto al signor francesco che ha scritto su magliano insieme SU QUEI 15 DISPERATI,che il comitato nn è salviamo il pd,ma chi ha consegnato e letto il documento al senatore la loggia in quel momento era un rappresentante del comitato salviamo il marini. se il signor francesco avrebbe avuto un'altra idea di cosa fare poteva farsi avanti almeno che nn sia veramente disperato e che nn sa cosa fare e dire...........ma smettetela,qui si cerca di farsi ridare qlc importante x la salvaguardia della salute e voi vi scagliate solo contro il pd?signor francesco,si rimbocchi le maniche e metta in moto il cervello x cercare anche lei di far risuscitare magliano che è in ginocchio...ma scusi, nn si è accorto che nn abbiamo più nulla?possibile che qst pd vi da tanto fastidio e paura?io sn del parere che se mi sento più forte e sicura su qlcs,neanche mi accorgo che esista,invece voi vivete solo x distruggere in modo offensivo e nient'altro,ma cosi nn si vincono le battagli..SI RICORDI CHE NN ABBIAMO PIù UN PRONTO SOCCORSO E OGNUNO DI NOI NE POTREBBE AVER BISOGNO!a qst punto penso proprio che il pd locale abbia un ottimo gruppo,complimenti.

    RispondiElimina
  14. scuatemi,ma il mio secondo commento che era su francesco sul blog di magliano insieme nn è stato pubblicato..............

    RispondiElimina
  15. scuatemi,ma il mio secondo commento che era su francesco sul blog di magliano insieme nn è stato pubblicato..............

    RispondiElimina
  16. Cara Isabella non racconti nulla di nuovo.Su magliano insieme tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog, e indovinate chi è? sempre e soltanto lui il mega assessore.Se esaminiamo il commento riguardante DONATO la colpa non è di chi lo ha scritto "la madre degli imbecilli è sempre incinta!" ma dell'amministratore che dopo aver letto tutti i commenti a deciso di pubblicarlo.Questa è per
    l'ennesima volta la prova di che razza di commenti fanno su M.I.

    nico

    P:S.antone..lascia perdere l'indifferenza riduce a nulla l'altro. un abbraccio

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione