sabato 28 maggio 2011

Clima caldo a Magliano

Magliano Sabina vive giornate calde. Come abbiamo già segnalato nel precedente blog la prossima settimana il PDL farà di nuovo tappa nel territorio maglianese, prima con Enrico La Loggia per il dibattito sul federalismo mucipale, poi con Rodolfo Gianani, che tutti ormai vogliono far passare come il vero e unico colpevole della chiusura del Marzio Marini.
Nonostante qualche "santone" che vorrebbe far credere questo, la realtà è ben diversa. Abbiamo da sempre specificato, anche sulle pagine di questo blog, come il DG ASL Gianani altri non sia che un manager scelto dal centrodestra e in particolare dalla governatrice Polverini per mettere in atto quanto previsto dal decreto 80, il famoso piano "ammazza ospedale".
Il manager, lautamente pagato, da fedele esecutore qual'è, svolge il suo compito con estrema perizia, non nascondendo un' insensibilità nei confronti delle richieste e delle osservazioni piovutegli da tutte le parti, cittadini, sindacati e istituzioni in questi lunghi mesi.
E' bene però ricordare che al fianco di chi sta operando questa chiusura, che ci penalizza oltremodo togliendoci anche quei servizi che all'interno del piano di riordino erano garantiti nel nostro ospedale, si è schierato in questi mesi il centrodestra reatino nelle figure del consigliere regionale Antonio Cicchetti (come non ricordare la famosa intervista televisiva) e del senatore Angelo Maria Cicolani, entrambi esponenti del Popolo delle Libertà.
E mentre Magliano continua a subire questa sorta di "sciacallaggio" nella sanità, gli stessi esponenti del PDL vengo invitati a relazionare in merito di federalismo municipale, proprio qua sul nostro territorio.

E l'amministrazione comunale?
Il potentissimo centrodestra maglianese?
Cosa dicono in merito?
In tutto questo i nostri rappresentanti comunali hanno scelto la via del silenzio per troppi mesi sperando di volta in volta in un clamoroso colpo di scena, un piatto di lenticchie per Magliano e per i maglianesi, mentre l'ospedale vede privarsi anche del servizio di oculistica, disinteressandosi nel fornire la giusta informazione sui servizi erogati dal nuovo Marini.
Ricordiamo ancora le parole del sindaco in una famosa assemblea pubblica definire il nuovo primo soccorso ancora operativo come pronto soccorso, e venire smentito dagli stessi operatori sanitari.

Soltanto ora anche il sindaco Graziani sembra essersi risvegliato, annunciando battaglia vera non contro i famosi responsabili, che nel frattempo vengono accolti a braccia aperte al Teatro Manlio, ma contro l'esecutore Gianani.
Cosa farà il centrodestra maglianese davanti alla presenza dell'onorevole La Loggia e del senatore Cicolani? Farà barricate come quelle annunciate contro Gianani?
Noi una risposta ce l'abbiamo, ma saranno i fatti per una volta a parlare, nella speranza che il popolo maglianese finalmente capisca da che parte stiano le vere responsabilità.


clicca sull'immagine per ingrandire

10 commenti:

  1. Ci sono due culture in questo partito; l'una, esattamente sovrapponibile al contesto della società che viviamo, quella cioè dove prevale il "particolare" sul "generale", l'egoismo sulla solidarietà, l'uno su il tutto, il personale sull'organizzazione.
    L'altra, quella "vecchia", totalmente ed inversamente proporzionale alla prima.
    Verrebbe da dire; se non si riesce a convivere, meglio che l'una delle due abbandoni, magari quella di minoranza, minoranza numerica s'intende.
    Invece no, quella numericamente minoritaria continuerà onestamente, testardamente e consapevolmente di essere nel giusto, la sua battaglia democratica affinché non che prevalga, desiderio irraggiungibile in questo momento, ma che continui affinché più soggetti possibili possano ritrovare quei valori in parte perduti, in altra parte mai conosciuti.

    RispondiElimina
  2. Aggiungo.
    Covare per lunghi periodi e nascondendoli; dissapori, opinioni represse, silenzi non silenzi, per farli esplodere in maniera fragorosa come avvenne alla vigilia delle amministrative del 2009 a villa Mariotti e mettere in crisi un partito per lunghi anni, non è stato e non è mio costume.
    Un partito inteso come laboratorio deve necessariamente collaudare sistemi e progetti diversi, per poi una volta assemblati, porli a disposizione confrontandosi con il resto della società, in questo caso di Magliano.

    RispondiElimina
  3. Ma ci sarà anche il senatore D'ubaldo!!!!! Ma non è del PD???? Ma perchè continuate a scrivere scemenze???

    RispondiElimina
  4. Non ti preoccupare, non c'abbiamo problemi a strapazzare anche quelli del nostro partito. Mica siamo servi come quelli di Magliano Insieme che dicono di essere liberi poi leccano il didietro ai politici (e l'abbiamo detta grossa..) del centrodestra reatino primi responsabili della chiusura del "Marini". Complimenti. Altra figura di cacca. Almeno diteci quante altre figure dovremo sopportare. Almeno ci prepariamo.
    Ps Come sempre sarò a difendere oculistica. Ma pretendo dal consigliere comunale Gatti, presidente della commissione sanità del Comune, una spiegazione circa la sua assoluta latitanza da tutte le iniziative di lotta in difesa dell'ospedale. Difendo l'ospedale, che sia chiaro, non gli interessi di un reatino che gioca a fare il maglianese quando gli pare.

    RispondiElimina
  5. basta fate schifo28 maggio 2011 22:33

    Ma che bravi cicolani graziani-graziani cicolani!! è commuovente il loro impegno "ora", purtroppo però c'è l'uomo cattivo il DG, tanto cattivo da colpire anche l'oculistica,di fondamentale importanza per il territorio..infatti tantissimi maglianesi si sono operati dal dott gatti il quale viene nominato ogni qualvolta la sua poltrona trema...ma quando si cercava di avvisare il sindaco di vigilare sulla situazione quando si affermava che stava scemando anche la speranza che i poliambulatori venissero potenziati, dov'era l'interesse che si percepisce perfettamente esserci nei confronti dell'oculistica specialistica di colui che fino a quando gli si era garantita la continuazione non si è fatto vedere nemmeno a quelle poche miserevoli e squallide assemblee dove lui e l'assessore alle politiche sociali(anzichè stravaccarsi e deridere chi veramente era interessato) dovevano farsi sentire.
    BLAHH!!! che schifo che schifo che schifo!!!

    RispondiElimina
  6. basta fate schifo28 maggio 2011 22:37

    ovviamente il riferimento a tanti maglianesi che si sono sottoposti ad intervento di cataratta è una battuta come la specialistica di fondamentale importanza per il territorio...il messaggio è un invito ad aprire gli occhi difronte a tanta ipocrisia...

    RispondiElimina
  7. mattia iacobelli29 maggio 2011 08:19

    il bello della democrazia è che ognuno può esprimere il suo personale pensiero e portare il proprio contributo di idee.
    in questo caso è possibile vedere un'importante caratteristica del partito democratico: la pluralità d'opinione.
    all'interno di questo partito, così come all'interno della società civile, c'è e deve esserci l'opportunità di condividere e mettere in discussione se stessi e tutti gli altri, siano essi parte di realtà locali, siano essi parte di una politica fatta su tutto il territorio nazionale.
    alcuni lo chiamano limite, io preferisco definirlo processo di crescita, ovviamente quando la riflessione, sia essa anche critica, non prende il sopravvento sull'interesse comune.
    fa enormemente piacere dunque vedere e sentire l'apporto di pensiero dato da iscritti a questo partito, e da altri che potrebbero o che vorrebbero farne parte visto il loro interesse.
    è invece, e questa è una valutazione del tutto personale, deprimente, quasi a toccare il ridicolo, osservare come si faccia del tutto per confondere le acque, per creare un volontario disordine, per denigrare, quando poi si è costretti ad incontrarsi faccia a faccia e scambiarsi stucchevoli e anestetici saluti.
    comportamento a mio modo di vedere infantile. forse occorrerebbe una minore ipocrisia e una maggiore coerenza, ma non è possibile chiedere la luna a chi probabilmente ha questo limite.
    magliano è un paese strano anche per questo motivo, si potrebbe davvero remare tutti dalla stessa parte, viste le tante, troppe difficoltà che stiamo vivendo, invece si continua con il gioco del "è colpa del pd".
    mi domando, e domando a questi nostri amministratori e a tutto il loro entourage che ama navigare su queste pagine: è diventato più importante costruire il futuro di magliano o condurre una battaglia contro il partito democratico?

    RispondiElimina
  8. Dipendente a rischio29 maggio 2011 11:06

    Ma intavolare un ricorso (al TAR??) contro il depotenziamento degli ambulatori e servizi andando al di sotto di ciò che è scritto sul decreto è possibile??Se sì Facciamolo!!

    RispondiElimina
  9. informato sui fatti29 maggio 2011 12:30

    lo sapete che anche a livello locale si sta sfaldando il PDL!? un assessore è passato nelle file del FLI. Cominciano a vergognarsi anche loro!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. "ritrovare quei valori in parte perduti, in altra parte mai conosciuti".

    La seconda che hai detto.

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione