mercoledì 4 maggio 2011

Giardini pubblici, cosa è cambiato con la nuova amministrazione?


Ve la ricordate?

Sembra passata un'eternità da quel luglio 2008, quando ad amministrare era il sindaco Angelo Lini e la giunta di centrosinistra, ma in realtà sono passati quasi tre anni.
All'epoca come oggi i giardini pubblici erano ridotti ad uno stato di degrado ignobile, e con il passare del tempo la situazione non sembra essere migliorata.
All'epoca un gruppo di bambini di questo paese scrissero una lettera, ripresa poi dai mezzi di informazione locale, all'ex sindaco Lini in cui i piccoli, mettendo in calce la loro firma, lamentavano lo stato di abbandono dell'area verde.

"
Infine un piccolo rammarico: ci si è ricordati dell’indecenza di quel posto solo dopo una lettera spedita da alcuni bambini al Sindaco. Viene spontaneo chiedersi dove sia stato l’Assessore competente (ma anche gli altri) negli ultimi 4 anni. Visto che ormai sembra che le risposte le diano solo in occasione della Festa dell’unità, speriamo che ce ne sia una anche per questa domanda!"

-tratto da un post apparso sul blog di Magliano Insieme-

Ecco quali erano le parole dell'allora gruppo di minoranza comunale nei confronti del sindaco e dell'amministrazione.
Ecco le considerazioni invece dell'assessore ai lavori pubblici Ruggeri, a 3 anni di distanza e a parti invertite, in occasione della recente segnalazione di un cittadino maglianese sui blog riguardo le recenti condizioni di abbandono dei giardini pubblici:

"I genitori dovrebbero rendersi conto che gli autori di questi danneggiamenti sono proprio i loro figli. Invece di interessarsi a come i tredici amministratori comunali trascorrono il loro tempo libero e a scrivere lettere, dedichino maggiore attenzione alla loro educazione e soprattutto ad insegnare loro a rispettare i beni pubblici. Nascondersi poi dietro l'anonimato scrivendo ai blog piuttosto che far presenti i problemi all'amministrazione lasciano ben intendere come dietro queste segnalazioni ci siano solo delle rivendicazioni personali piuttosto che l'avere a cuore il bene del proprio paese".

I tempi cambiano, le lamentele purtroppo sono sempre le stesse, sintomo evidente di come il cambiamento invocato dai cittadini maglianesi nel 2009 e di cui questa amministrazione si fregia, altri non è che un remake di quanto visto in passato.
Una domanda però sorge spontanea e ci sembra lecita: chissà se anche dietro quella vecchia segnalazione dei bambini maglianesi verso i media locali e i blog c'erano delle "rivendicazioni personali" e non "l'avere a cuore il bene del proprio paese"?

E' proprio vero i tempi cambiano, cambiano le amministrazioni e con esse anche le risposte date in seguito alle lamentele.

19 commenti:

  1. la coerenza non è il tuo forte asseso,se fai a lavorare il venerdi' ci costi di meno e i soldi che risparmiamo si possono investire
    per i giardini pubblici.


    un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. stanno a diventa matti. e lasciateli perde almeno per un giorno altrimenti qui tra tre anni qualcuno non c'arriva

    RispondiElimina
  3. A differenza loro ,noi cittadini ci ricordiamo le cose,e non facciamo orecchie da mercante. i giardini erano uno dei punti deboli della vecchia amministrazione e i "signori"di Insieme per magliano ci hanno fatto mettere la faccia a 4 ragazzini, pure minorenni, con una lettera inviata al sindaco.Ora si arrabbiano se un genitore fa presente con una lettera il degrado che ancora versano i giardini ,non vi sembrano al quanto sciocchi e ancora una volta falsi? dove è l'interesse per i cittadini?

    che cosa aspettano che gli diamo uno schiaffo morale noi genitori rimboccandoci le maniche e andiamo pulire ?!beeee la bicicletta l'hanno voluta e adesso pedalassero! cari assessori di maggioranza perche noi paghiamo le tasse.
    Che sia chiaro voi
    LAVORATE PER NOI.

    RispondiElimina
  4. Scusate,ma sapete x caso se l'acqua è potabile e xk la fontana vicino la giornalaia nn funziona?Certo che abbiamo proprio toccato il fondo:niente acqua potabile,niente ospedale,scuole pericolanti,giardinetti pericolosi.......se fosse x me neanche farei i festeggiamenti padronali,che dobbiamo festeggiare quando le cose più importanti nn ce l'abbiamo più?Popolo maglianese svegliamoci,siamo nella bocca di tutti i paesi limitrofi che ci deridono.Ma possibile che nessuno riesce a capovolgere questo paese senza farlo retrocedere?Forza ragazzi avete molte idee e voglia di fare x magliano,tirate fuori gli artigli e sono sicuro che tutto il popolo sarà con voi!Coraggio xk ce ne servirà molto.Fate vedere a questa amministrazione che aveva fatto credere a tutti noi di portare Magliano ad una trasformazione(infatti siamo retrocessi)che anche i giovani se hanno testa e voglia di fare senza guardare in faccia a nessuno possono guidare un popolo..............nel bene e non nelle menzogne.Buon lavoro.

    RispondiElimina
  5. LUGLIO 2008
    Viene spontaneo chiedersi dove sia stato l’Assessore competente (ma anche gli altri) negli ultimi 4 anni. Visto che ormai sembra che le risposte le diano solo in occasione della Festa dell’unità, speriamo che ce ne sia una anche per questa domanda!"

    MAGGIO 2011
    le risposte potevate averle in quella occasione,ma voi quando le darete, alla festa di S.Liberato dopo la predica del parroco?????

    RispondiElimina
  6. GIARDINI PUBBLICI,COSA E'CAMBIATO CON LA NUOVA AMMINISTRAZIONE?



    NULLA ,HANNO PEGGIORATO!


    ----------- V E R G O G N A-----------------------------------

    RispondiElimina
  7. La lettera che abbiamo pubblicato è stata ripresa integralmente dal blog Sabinamente. Preghiamo gli estensori dei commenti di non tirare in ballo nei loro interventi i minori.
    Nel caso contrario ci riserviamo di eliminare commenti sgradevoli e allo stesso tempo ricordiamo gli utenti della responsabilità personale delle loro parole.
    Grazie

    RispondiElimina
  8. Mi vergogno per loro5 maggio 2011 14:44

    Nessuno risponde! Ordine perentorio o perchè gli hanno riacceso il giocarello passatempo in piazza?

    RispondiElimina
  9. non possono rispondere, perchè prima devono riunirsi e decidere quale bugia impartire alla gente, ormai questa è la loro tattica, inventare cazzate,cosi la gente non capisce quale è la verità.

    Per meditare, prima, girano intorno all'Acquasantira poi vanno a "Palazzo Grazioli"(residenza del sindaco) e decidono.C'è chi scrive ai giornali,chi corre a vedere i danni, chi corre a vedere i manifesti abusivi(vero consigliere segugio?)chi corre dalle guardie. Insomma si danno da fare....................................... solo per salvarsi il c..o.

    B R A V I !!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Non ci siamo, non è questa la maniera di comportarsi, siete pari pari a quelli che criticate e prendete per il cu... stessa cultura, stessa vigliaccheria per certi aspetti.
    Chiunque entra con il proprio nome lo insultate come fosse un osso per cani affamati.
    Finitela datemi retta, questo si che è il modo peggiore di fare politica.

    RispondiElimina
  11. A "chi osserva"
    condivido in pieno cio che hai scritto, non bisogna credere piu alle favole

    RispondiElimina
  12. "ATTENZIO' BATTAGLIO'"
    MENO cinque giorni AL BOTTO.

    RispondiElimina
  13. MA CHE SCHIFO ANDIAMO IN PIAZZA A FARCI SENTIRE........BASTAAAAAAAA

    RispondiElimina
  14. una mamma presente8 maggio 2011 14:25

    L'assessore ai "servizi sociali"quando va ai giardini non deve rimproverare i bambini che giocano vicino alle sbarre rotte,ma deve far presente, a chi di dovere, che il lavoro fatto non è completo e con urgenza intervenire.
    Una persona che giornalmente è vicina ai bambini, dovrebbe avere anche il modo di comunicare con loro,non alzare la voce come una arpia,perchè dalla parte del torto ci sono i suoi amici e lei.
    Gridi e infierisca dimeno e lavori di piu ,visto che le hanno dato il voto i cittadini.

    RispondiElimina
  15. Da un fascista cosa ti aspetti.

    RispondiElimina
  16. condivido con Aprile il fatto che ormai commentare anonimamente non serve più a nulla se non per uno sfogo che posso capire. bisogna uscire allo scoperto per avere delle risposte per poi esprimere il proprio disappunto qualora si palesasse la menzogna, forse non ci siamo resi conto che la situazione sta per toccare un punto di non ritorno...a quel punto i responsabili saranno anche tutti coloro che per qualche motivo, non comprensibile, si astengono dal rivelarsi per esprimere ciò che pensano...

    RispondiElimina
  17. condivido con Aprile il fatto che ormai commentare anonimamente non serve più a nulla se non per uno sfogo che posso capire. bisogna uscire allo scoperto per avere delle risposte per poi esprimere il proprio disappunto qualora si palesasse la menzogna, forse non ci siamo resi conto che la situazione sta per toccare un punto di non ritorno...a quel punto i responsabili saranno anche tutti coloro che per qualche motivo, non comprensibile, si astengono dal rivelarsi per esprimere ciò che pensano...

    RispondiElimina
  18. Sarà che da sempre sono vissuto in famiglia in compagnia delle donne (madre, due sorelle, moglie, suocera vedova, figlia, qualche gatto e qualche cane anch'esse femmine), che sarà per questo che mi ritrovo nelle idee molto più con loro che con gli uomini.
    Hai ragione Emanuela, Se una persona è convinta delle proprie idee, delle proprie convinzioni ed opinioni, perché nascondersi? Quando in una qualsiasi assemblea pubblica o di partito, o di qualsiasi altro genere, si interviene per esporre un problema, per fare una critica, o per esporre una proposta, lo si fa naturalmente senza nascondersi.
    Certo, anche nella realtà ci si può esporre a critiche ed anche a sberleffi come successo al sottoscritto, ma è poi è prerogativa delle persone intelligenti valutare determinati comportamenti.
    Ma forse si, sofferenze, delusioni che inducono quasi in maniera naturale ad una sorta di impotenza e frustrazione, inducono persone anche appartenenti al nostro partito ad inveire in quelle maniere e purtroppo anche contro gli stessi iscritti e militanti che la pensano in qualche caso, in maniera diversa dalla loro.
    E' assente purtroppo l'educazione all'ascolto e lo notiamo pure quasi sempre nelle riunioni che teniamo periodicamente.
    Più volte ho tenuto a suggerire che il segretario, o il relatore di turno, deve esporre la sua relazione od introduzione all'ODG; dopodiché deve fare silenzio sino a quando tutti coloro iscrittisi ad intervenire non hanno terminato.
    Soltanto al termine sintetizzerà il dibattito e se occorre, se ci sono dissensi cioè, si potrà anche votare una o più proposte per poi chiudere.
    Staremo a vedere.

    RispondiElimina
  19. "ATTENZIO' BATTAGLIO'"
    MENO due giorni AL BOTTO.

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione