mercoledì 15 giugno 2011

Fumo agli occhi


Ci dispiace ma stiamo sbagliando davvero tutto e tutti. Di nuovo un incontro con Gianani, di nuovo le speranze riposte sul sub commissario, questa volta Spata.
Ormai anche i cittadini di Magliano l'hanno capito, non è possibile continuare a farsi prendere in giro. E la presa in giro sta proprio in quanto riferito in questi giorni anche dal sindaco Graziani. Secondo lui la cittadinanza dovrebbe ringraziare il sub commissario per l'intercessione e per il mantenimento dell'oculistica. Male faremmo perchè l'oculistica all'interno del pacchetto dei servizi sanitari della piastra ambulatoriale era già prevista.

Nessuna vittoria, nessun ringraziamento per qualcosa che era previsto. Possibile che siamo diventati tutti ciechi?
Abbiamo accettato con una delibera consiliare di combattere per un ospedale vero, per un pronto soccorso, per posti letto per acuti, ed ora siamo qui a ringraziare ora questo ora quello per il mantenimento di qualcosa che va molto al di sotto dell'asticella che avevamo fissato.
Insomma vogliamo accontentarci di un piatto di lenticchie e sbandierarlo come una grande vittoria?

Probabilmente i presupposti per ottenere tutto ciò non esistono più, soprattutto da quando il DG ASL Gianani ha di fatto chiuso l'atto aziendale, ma andare comunque al di sotto di determinati limiti è poco dignitoso per i cittadini di questo territorio; chi li rappresenta a tutti i livelli deve ricordarsi che prima di tutto deve fare gli interessi del popolo e non di qualche tecnico o notabile politico che siede in Regione.

A cosa può portare dunque l'incontro di oggi con Gianani, dal quale come al solito la minoranza rimane totalmente esclusa, quasi a volersi dimenticare che rappresenta l'altra faccia di Magliano?
Assistiamo ad un sindaco che si muove sempre in solitaria. Conferma del fatto che alla notizia dell'arrivo, più volte rimandato, del commissario Spata il rappresentante del comitato cittadino non sia stato mai avvisato. I cittadini vogliono ancora dire la loro, vogliono ancora fare la loro parte, ma è questo atteggiamento narcotizzante di questo sindaco, e di chi da dietro di lui muove i fili, che sta trascinando tutti noi verso la confusione totale.

Quanti ricordano che mesi fa al Teatro Manlio il centrodestra provinciale aderì alla delibera provinciale che avanzava richieste ben diverse da quelle attuali? E come è andata a finire? Quale esponente filo Polverini si è speso per far si che ciò fosse rispettato?
Nessuno, anzi ricordiamo ancora oggi le deliranti parole del consigliere Lidia Nobili.
Quanti hanno realmente capito cosa è previsto ad oggi all'interno del nostro ospedale?
Ecco forse più che di speranze e di continue illusioni, occorre rendere la gente cosciente e vigile affinchè si continui una battaglia sensata non fatta di retorica, come quella del discorso dei partiti.
La politica ci ha dato l'ospedale e la politica l'ha mantenuto. Ora alla politica che ce lo toglie va richiesto indietro per soddisfare reali esigenze sanitarie.
Finiamola con la storia del "sono tutti uguali".

3 commenti:

  1. Consigliere del gruppo di RINNOVAMENTO DEMOCRATICO GIOVANNI Pagani15 giugno 2011 16:57

    Cari cittadini, lunedi abbiamo visto, ancora una volta un sindaco apparentemente stanco, infatti ogni volta che si parla di ospedale egli appare molto stanco. La sua stanchezza, sindaco, alimenta sempre di più la rabbia di noi cittadini, perchè essa è appannaggio di una voluta rassegnazione alla chisura dell'ospedale Marini. Al sindaco, quale AUTORITA' SANITARIA LOCALE PER ECCELLENZA, chiediamo ad alta voce, dove è finito lo SPIRAGLIO ventilato dalla Polverini, che egli da tempo, ci ha propinato come l'ultima ma efficace risoluzione del problema ospedale , con la scusa dello SPIRAGLIO, ha ottenuto il silenzio assenso della popolazione sulla chiusura dell'ospedale. Ora sindaco veda se è capace di farzi annullare anche la piastra ambulatoriale come definita dal PATTO AZIENDALE del D. G. della ASL RI, perchè lo stesso è da qualche settimana che sta rivedendo al ribbasso il polo ambulatoriale del MARINI. Si tenga conto che l'ambulatorio oculistico e quello diabetologico sonomstati momentaneamente ripristinati, non per bravura di qualcuno ma perchè previsti da PATTO AZIENDALE di cui sopra. Un plauso al comitato SALVIAMO IL MARINI per la sua costanza e per la sua insistenza sul poblema M. Marini.

    RispondiElimina
  2. SONO NAUSEATO!! SI NAUSEATO NON SOLO DALL'ATTEGGIAMENTO DEL SINDACO CHE ORMAI E' NOTA LA SUA PROPENSIONE ALLA SACCENZA, MA ANCHE E SOPRATUTTO, GIUNTI A QUESTO PUNTO, DI QUESTO PARTITO DEMOCRATICO CHE NON SA FARE ALTRO CHE PIANGERE, PIANGERE, PIANGERE, SENZA IN ALCUN MODO REAGIRE E REAGIRE E' IL MINIMO SI POSSA CHIEDERE AD UN PARTITO PERCHE' QUESTO DOVREBBE DIRE E FARE QUALCOSA DI PIU', PROPORRE E SU QUELLA PROPOSTA RICERCARE IL MAGGIOR NUMERO DI CONSENSI E DALLA FORZA CHE GLI DERIVA DA QUESTI CONSENSI OSARE, OSARE QUALCOSA DI INTERESSANTE E CLAMOROSO, AD ESEMPIO ORGANIZZANDO UN CONVEGNO SULLA SANITA' NEI TERRITORI DEPRESSI (PERCHE' DI QUESTO ORMAI SI TRATTA, DI UN TERRITORIO DEPRESSO IL NOSTRO). LE RISORSE NON MANCANO AD UN GRANDE PARTITO, LA BINDI SE NON VADO ERRATO, QUANDO ERA MINISTRO DELLA SALUTE, PROPOSE LEI STESSA LA POSSIBILITA' DI CONCEPIRE UNA MEDICINA ALTERNATIVA, COMPRESA QUELLA DI TRADIZIONE ORIENTALE. MA NON SOLO, LO STESSO SENATORE MARINO, SE CONSULTATO, POTREBBE ESSERNE UNO DEI RELATORI, LO STESSO MONTINO CHE CONOSCE TUTTA LA SANITA’ LAZIALE, MA IL PARTITO STESSO, IL PARTITO AI MASSIMI LIVELLI CREDO ABBIA UNA VISIONE DI COME ORGANIZZARE UNA SANITA’ FUTURA CHE TENGA CONTO DEI CITTADINI ED IL CONTESTO AMBIENTALE IN CUI VIVONO. CONOSCETE COSA SIA LA STRATEGIA DEL LOGORAMENTO? A QUANTO VEDO NO SE ANCORA DOPO UN ANNO STIAMO ANCORA AL PUNTO DI PARTENZA.
    DECINE DI VOLTE HO DETTO QUESTE COSE IN SEZIONE, DECINE DI VOLTE MA SEMPRE INASCOLTATO.
    ALLORA NON VORREI DARMI UNA RISPOSTA ERRATA, QUELLA CIOE' CHE IN FONDO NON FREGA UN CA...O E SI STA IN QUEL POSTO SOLTANTO PER "RIEMPITICCIU", DETTO IN DIALETTO MAGLIANESE.
    LA SENSAZIONE CHE NE ESCE FUORI, FUORI DALLE MURA DI VIA CAVOUR, E' QUELLA CHE LA MINORANZA VIVE ALLE DIRETTE DIPENDENZE DELLA MAGGIORANZA, CHE NON SI MUOVE SE QUESTA E' FERMA E LA RINCORRE APPUNTO SE INVECE PRODUCE QUALCOSA…, ED IN DUE ANNI TUTTO QUESTO E' ORMAI EVIDENTE
    SI FANNO DELLE INTERROGAZIONI, SI E' IN ATTESA DELLE RISPOSTE E CONTEMPORANEAMENTE NON SI FA NULLA PER SOLLECITARLE INFORMANDO ADEGUATAMENTE LA CITTADINANZA.
    SI RICEVONO QUESTE E CI SI ESPRIME SODDISFATTI O INSODDISFATTI MA SENZA IN ALCUN MODO INFORMARE O PRENDERE NECESSARIE ED ADEGUATE INIZIATIVE PER PROPOSTE ALTERNATIVE.
    SI DISSE DI INDIVIDUARE POCHI PUNTI DEL PROGRAMMA, MA ESSENZIALI PER IL PAESE, E SU QUESTI DEDICARSI; SI E' VISTO QUALCOSA? QUALCUNO HA VISTO QUALCHE INIZIATIVA?
    CI SONO VERE E PROPRIE EMERGENZE IN CITTA' E QUELLA DELL'OSPEDALE E' LA PIU' EVIDENTE E GRAVE, COSA SI FA? SI RINCORRE ANCORA UN COMITATO SI, GIUSTO, MA QUESTO COMITATO A ME, E NON SOLO A ME, SEMBRA ESSERSI RIDOTTO NOTEVOLMENTE CAUSA LA SCHIFOSA AZIONE DI DENIGRAZIONE SVILUPPATA DA QUESTA IRRESPONSABILE MAGGIORANZA.
    E ALLORA IL TIMONE LO SI DEVE PRENDERE IN PRIMA PERSONA! IL PARTITO! SE SI HANNO IDEE ED ATTRIBUTI, E SE NON SI HANNO O QUESTE IDEE SONO CONFUSE, UN PARTITO COME IL PD NON PUO' ASSOLUTAMENTE ADDORMENTARSI SUL PACHIDERMA, DEVE REAGIRE E CORREGGERE LA DOVE SI INDIVIDUI UNA DEBOLEZZA.

    RispondiElimina
  3. Bene, ad esempio, quando si rinnoverà il consiglio regionale, cosa avrà da proporre il PD?
    Manterrà chiuso l'ospedale? se fosse così brava Polverini, hai tolto una bella castagna dal fuoco al PD, ed è forse per questo che montino alla vigilia dei ballottaggi per Sora si espresse favorevolmente per la lista Polverini?
    Bsta con questi bizantinismi per favore.
    Bisogna parlare chiaro alla gente, a quella gente che ha voluto dare una spallata a questa sporca politica con la valagna dei si ai referendum.

    RispondiElimina

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione