lunedì 10 ottobre 2011

Arsenico oltre i limiti anche alla fonte


Emergono nuovi particolari nel caso arsenico nell'acqua del civico acquedotto, caso che non sembra avere una fine. Dalla documentazione richiesta con regolare accesso agli atti dai consiglieri Di Basilio e Pagani, in questi mesi è stato possibile estrapolare ed analizzare i dati che emergono dalle analisi condotte anche a livello del dearsenificatore posto presso la sorgente Barco di Fabrica di Roma, sorgente dalla quale proviene l'acqua comunale.

Il grafico in questione riporta appunto i valori di concentrazione di arsenico all'uscita dei due filtri (Filtro A colore blu - Filtro B colore celeste) di cui è dotato il dearsenificatore e dai quali dovrebbe fuoriuscire acqua depurata dall'elemento tossico, ovviamente il tutto riportato su una scala temporale in cui sono state segnate le date delle analisi.
Risulta estremamente evidente come il valore di arsenico all'uscita del processo di depurazione sia notevolemente aumentato negli ultimi mesi, andando oltre i limiti consentiti(dato evidenziato dalle analisi di giugno e luglio), rispetto al mese di aprile: infatti si è passati da una concentrazione di 6 microgrammi/litro (Filtro A) e 5 microgrammi/litro (Filtro B) del mese di aprile, a concentrazioni che raggiungono un livello ben al di sopra del limite consentito dalla legge (ovvero 10 microgrammi/litro) già nel mese di giugno con 16 microgrammi/litro (Filtro A) e 11 microgrammi/litro (Filtro B).
La situazione sembra stabilizzarsi, ma rimanere comunque al di sopra dei limiti, anche nel mese di luglio (15 microgrammi/litro al Filtro A e 14 microgrammi/litro al Filtro B).

Soltanto dopo che il PD di Magliano è tornato sull'argomento(vedi il post pubblicato nei giorni scorsi), e dopo l'articolo pubblicato ieri dal Corriere di Rieti, a distanza di ben 4 mesi, veniamo a conoscenza di una serie di lavori dell'amministrazione e della ZILIO s.p.a. sull'impianto di Fabrica di Roma, effettuati proprio in questi ultimi giorni.
Si parla di filtri e si parla di vasca di impermeabilizzazione, quando si è sempre sostenuto come il problema riguardasse i 25 km di tubazioni che collegano Fabrica a Magliano.
Che le cose siano cambiate?
E' strano, inoltre, che precedentemente nessuno ne avesse saputo nulla , così come strano che questa amministrazione non si sia preoccupata di aggiornare la cittadinanza sull'evoluzione del problema per tutto il periodo estivo.
Una grave mancanza a nostro avviso dell'assessorato preposto e dall'intera giunta comunale, vista anche la delicatezza della questione che investe totalmente la salute dei cittadini, oltre che il loro portafoglio.

C'è da fare una considerazione ulteriore: se i dati che riguardano i filtri sono stati protocollati in comune ad inizio giugno, come mai si è atteso così tanto ad intervenire?
Sono passati ben 4 mesi; non era forse il caso di intervenire immediatamente vista l'emergenza e vista la famosa ordinanza che vieta l'utilizzo dell'acqua da metà aprile scorso?
L'amministrazione non poteva far pressioni ad intervenire sulla ditta che gestisce la manutenzione dell'impianto?
Ribadiamo, sono passati 4 mesi!
Ovviamente per qualsiasi cosa ci sono dei tempi burocratici da rispettare, ma in questo caso l'emergenza dettata dal pericolo per la salute che corre la cittadinanza avrebbe quanto meno imposto una priorità rispetto ad altri problemi.
Sarebbe stato opportuno che un'amministrazione vigile, visti i dati allarmanti che fanno presupporre o un malfunzionamento dell'impianto o molto più semplicemente una saturazione dei filtri, si fosse adoperata immediatamente cercando dunque di accorciare i tempi di risoluzione del problema.
Continuano dunque i dubbi sulla gestione di quella che ormai potremmo tranquillamente definire emergenza.

Insomma, mentre l'amministrazione Graziani è freneticamente occupata ad assegnare poltrone per mantenere gli equilibri politici interni alla giunta con un vicesindaco sempre più comparsa, il PD di Magliano cerca di mantenere viva l'attenzione al problema continuando anche nei prossimi giorni a tenervi informati sulla vicenda.

Nessun commento:

Posta un commento

Saremmo lieti di rispondere ad ogni vostro quesito.
I commenti contenenti un linguaggio scurrile non verranno pubblicati.
Grazie per la Vostra presenza e collaborazione